Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Acqua torbida in ospedale, la Asl2: «Nessun rischio»

L ospedale di Spoleto e, nel riquadro, la foto scattata lunedì scorso in un reparto
di Ilaria Bosi
3 Minuti di Lettura
Martedì 29 Marzo 2022, 10:31

SPOLETO- Acqua torbida dai rubinetti dell’ospedale, la situazione permane, ma a escludere rischi per utenza e personale è la Asl: «I parametri microbiologici – viene assicurato - sono nella norma in tutti i reparti». L’azienda sanitaria, sollecitata dal Messaggero dopo la denuncia pubblica del consigliere comunale Sergio Grifoni (Obiettivo Comune) e le segnalazioni dall’interno che ne sono seguite, ha anche ripercorso quanto accaduto in questi mesi, fissando punti importanti sia sui casi di legionella trattati a novembre che su alcuni interventi effettuati alla rete idrica nelle passate settimane. Eventi, chiariscono dalla Asl, che non hanno alcuna relazione tra loro.

LA LEGIONELLA

«La presenza del batterio – viene innanzitutto premesso – non è stata mai rilevata nelle periodiche analisi effettuate dai laboratori, né si sono registrati nei reparti casi di legionella». Tuttavia, ammettono dall’azienda sanitaria, «nello scorso mese di novembre sono stati trattati nell’ospedale di Spoleto due casi di contaminazione esterna, quindi non derivante da consumo di acqua all’interno del nosocomio». La Asl, quindi, non ha dubbi sulla genesi di quelle contaminazioni ed è verosimile che al riguardo ci siano stati o ci saranno – come avviene in questi casi - anche accertamenti da parte dei carabinieri del Nas.

I LAVORI

Del tutto slegati dai casi di contaminazione sono invece i lavori deliberati a gennaio dalla Asl che, nell’ambito dei piani di prevenzione dei rischi ospedalieri, ha effettuato una serie di «consistenti interventi, programmati, nella rete idrica del presidio ospedaliero». Gli interventi hanno previsto «la pulizia e l’igienizzazione delle tubazioni e soprattutto la sostituzione dell’impianto di depurazione e purificazione delle acque con un nuovo sistema a biossido di cloro più momento ed efficiente». Nel corso dei lavori, terminati tre settimane fa, «a titolo prudenziale e cautelativo» la direzione ospedaliera «come previsto in tutti gli interventi del genere», ha disposto «il divieto di utilizzo di acqua all’interno della struttura». Un chiarimento doveroso e auspicato, coerente con il percorso di chiarezza e trasparenza cui è sempre chiamata la pubblica amministrazione, ancor più quando si tratta di ambiti delicati come quello sanitario.

LE ANALISI

A suffragare l’assenza di rischi per utenza e personale c’è l’esito delle analisi: «Terminati i lavori di efficientamento della rete idrica, igienizzazione dei boiler e sostituzione dell'impianto di depurazione – fa sapere la Asl 2 - sono stati effettuati i prelievi per i necessari controlli microbiologici in tutti i reparti e gli ambienti ospedalieri. Le analisi confermano parametri nella norma dal punto di vista chimico e batteriologico».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA