Hempiness, gran finale: a Norcia musica e sostenibilità per ricordare Manu

Hempiness, gran finale: a Norcia musica e sostenibilità per ricordare Manu
di Ilaria Bosi
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Settembre 2021, 13:38 - Ultimo aggiornamento: 13:43

NORCIA - Due giorni di musica e sostenibilità ambientale, per ricordare Manu attraverso le sue grandi passioni. È iniziata venerdì e proseguirà sabato la seconda edizione dell’Hempiness Music Festival, l’evento che richiama artisti e appassionati da tutta Europa e che si svolge a Norcia, nella splendida cornice del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. L’Hempiness Music Festival è molto più di un evento musicale: un sogno che diventa festa per celebrare la vita e ricordare Emanuele Tiberi, il giovane di Norcia ucciso tre anni fa dal pugno sferratogli da un coetaneo, nel cortile di un bar. Un atto barbaro (avvenuto peraltro senza che ci fosse una lite in corso), che ha profondamente segnato tutta la comunità. Non solo Norcia. Emanuele, infatti, professionista del suono, girava il mondo per lavoro e ha lasciato amici in ogni dove. E quegli stessi amici, due anni fa, hanno dato forma al sogno, organizzando la prima edizione dell’Hempiness Music Festival. L’evento, che si svolge con il patrocinio di Comune e Parco, è tornato quest’anno dopo uno di stop a causa del Covid. Tante le band e gli artisti presenti a Norcia, dove è stato organizzato anche un efficientissimo servizio navette, con punti di ritrovo nei fuori le mura di Norcia (all’altezza del Caffè Parigi), Porta Palatina (dove sono il centro vaccinale e i container collettivi) e campo sportivo, in zona ospedale. Tante anche le iniziative collaterali, tra workshop, benessere e amicizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA