Umbria Jazz 2017: tutti i concerti
in programma dal 7 al 16 luglio

Umbria Jazz 2017: tutti i concerti in programma dal 7 al 16 luglio
di Michele Bellucci
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Maggio 2017, 18:31

Il programma ufficiale di Umbria Jazz 2017 è stato svelato nella sua interezza e la corsa ai biglietti si è già accesa. E' tempo di scoprire tutte le novità. I concerti più popolari verranno ospitati come di consueto all'Arena Santa Giuliana che verrà inaugurata venerdì 7 luglio dai Kraftwerk, i pionieri dell'elektro saranno a Perugia per l'unica data estiva italiana del loro "3D concert"; la stessa sera al Morlacchi, a mezzanotte, il viaggio nelle sonorità anni '70 proposto da Gianluca Petrella. Sabato 8 arriverà il più popolare jazzman britannico, Jamie Cullum, con all'attivo dieci milioni di dischi venduti, un Grammy e due Golden Globe; in apertura i bostoniani Lettuce. Altri big della serata saranno Paolo Fresu e Uri Caine che presenteranno al Morlacchi il loro terzo album in coppia "Two minuettos". Lo stesso giorno prenderà il via anche "Jazz Goes To The Museum" alla Galleria Nazionale dell'Umbria con il duo formato dal sassofonista Steve Wilson e dal batterista Lewis Nash (inizio alle 12.00; in replica il 9, 12 e 16 luglio). Domenica omaggio a Luigi Tenco nel cinquantesimo anniversario dalla morte; sul palco tra gli altri Gino Paoli, Giuliano Sangiorgi (Negramaro), Gaetano Curreri (Stadio), Paolo Fresu, Danilo Rea e Mauro Ottolini con la sua band. Lunedì alla Galleria Nazionale il concerto-evento di Luca Aquino con il chitarrista Rino De Patre e cinque musicisti dell'Orchestra Nazionale Giordana, mentre la sera l'Arena si vestirà di rosa con il progetto "Ladies!" che vedrà sul palco sette musiciste provenienti da sette paesi diversi (Renée Rosnes, Cecile McLorin Salvant, Anat Cohen, Melissa Aldana, Ingrid Jensen, Noriko Ueada e Allison Miller); con lo stesso biglietto si potrà poi assistere al live di una delle decane di Uj, Dee Dee Bridgewater. Martedì Enrico Rava e Tomasz Stanko, certamente due dei trombettisti più celebri al mondo, si presenteranno in un inedito quintetto; a seguire Fabrizio Bosso e l'orchestra diretta da Paolo Silvestri omaggeranno la musica di Dizzy Gillespie. Da segnalare anche i francesi Vincent Peirani ed Emile Parisien (Galleria Nazionale ore 12.00), il tributo a Frank Zappa con la Tankio band di Riccardo Fassi (17.00 al Morlacchi) e il ritorno del giovane fuoriclasse inglese Jacob Collier (al Morlacchi a mezzanotte). Mercoledì la pianista giapponese Hiromi duetterà con l'arpista colombiano Edmar Castaneda; a seguire spazio al talento della cantante africana Angelique Kidjo ed il suo omaggio a Celia Cruze, con Pedrito Martinez come special guest. Al Morlacchi invece Daniele Di Bonaventura suonerà musiche di Piazzolla. Giovedì sul palco i due pianisti cubani Chucho Valdes e Gonzalo Rubalcaba prima del quartetto del contrabbassista Christian McBride. Da non perdere il progetto di Simona Molinari che al Morlacchi omaggerà Ella Fitzgerald insieme a Mauro Ottolini; la mattina alla Galleria Nazionale concerto del clarinettista perugino Gabriele Mirabassi con il chitarrista honduregno Roberto Taufic. Attesissimo l'appuntamento di venerdì con il sassofonista Wayne Shorter che proporrà due diversi set: nel primo sarà accompagnato dal suo quartetto con Danilo Perez, John Patitucci e Brian Blade, poi si esibirà insieme all'Orchestra da camera di Perugia. Nel pomeriggio invece l'interessante progetto "Wing Dance" che vedrà insieme Pan Cultural Music Ensemble e Umbria Ensemble. Sabato arriverà in Umbria il leader dei Beach Boys Brian Wilson con il suo "Pet sounds" mentre in mattinata spazio al perugino Manuele Morbidini (sax) con Igor Spallati (contrabbasso) ed Elias Stemeseder (piano). La chiusura di domenica sarà in chiave brasiliana con Stefano Bollani, il trio di Hamilton De Holanda e Mayra Andrade.
Sul palco di Piazza IV Novembre come di consueto concerti quotidiani delle orchestre di varie università sparse per il mondo, oltre ad appuntamenti più "ballerecci" durante tutte le serate del festival. Tra i concerti gratuiti ai Giardini Carducci graditi ritorni e alcune novità: Sammy Miller con la sua "Congregation" tutta cinese, il maniche degli Accordi Disaccordi, l'energia di Sugarpie & the candymen, funk, soul, hip-hop, r'n'b con gli americani Huntertones, la Gangbé brass band dal Benin, la Delta Wires Blues Band di Oakland, gli scatenati Shake Em Up Jazz Band. Immancabili le street parade quotidiane con i Funk Off (alle 11.30 e 18.30).

© RIPRODUZIONE RISERVATA