«Fermi lì, che fate in quell'auto?»
Ma è una famiglia a caccia di pipistrelli

Sabato 17 Agosto 2013 di Giovanni Camirri
​FOLIGNO Un’auto sospetta, ferma in una zona completamente al buio e con le quattro portiere spalancate, scatta l’allarme furti e rapine, ma era tutta colpa di un pipistrello. È il succo della disavventura da caldo che, a ridosso di Ferragosto, ha avuto per protagonista una famiglia di passaggio a Foligno. L’afa pressante che in questi giorni ha battuto, e continua a farlo, tutto il Folignate ha spinto i villeggianti ad aprire i finestrini dell’auto con la quale viaggiavano in direzione della successiva meta del tour che li ha portati ad attraversare il Cuore Verde d’Italia. La tappa di passaggio a Foligno di sicuro rimarrà nei loro ricordi per molto tempo. Poco prima della mezzanotte un pipistrello è penetrato nell’abitacolo mentre l’auto era in movimento, sfruttando i varchi creati con i finestrini aperti. L’adrenalina è salita a mille e a quel punto, anche per evitare incidenti e altre gravi conseguenze, la sosta forzata per cacciare l’intruso è divenuta d’obbligo. L’ospite inatteso è penetrato nell’abitacolo in una zona piuttosto buia. E proprio in quell’area una pattuglia dei carabinieri ha notato la strana presenza di una vettura in sosta con le portiere aperte in un punto della città poco illuminato. I militari erano impegnati in un vasto piano di prevenzione e repressione dei reati che viene sempre predisposto sull’intero territorio provinciale con particolare attenzione ai periodo di festa e, soprattutto a quelli di vacanza, appunto come a Ferragosto. Le condizioni in cui è stata notata l’auto hanno fatto sospettare che il veicolo fosse stato potenzialmente abbandonato appena dopo un furto una rapina in abitazione. Quando però i militari hanno approfondito l’accaduto s’è scoperto con in corso non c’era nessun reato, ma si trattava comunque di una intrusione compiuta da un pipistrello che ha fatto irruzione nell’abitacolo dell’auto in transito. Ultimo aggiornamento: 21:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani