Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Flaminia, attraversamento pedonale e rotatoria allo svincolo per Spoleto

Flaminia, attraversamento pedonale e rotatoria allo svincolo per Spoleto
di Ilaria Bosi
2 Minuti di Lettura
Domenica 13 Marzo 2022, 14:24

SPOLETO - Ci vorranno circa 8 mesi per realizzare la rotatoria e l'attraversamento pedonale allo svincolo sud della Flaminia. L’intervento, che costerà 1,8 milioni di euro, è inserito nel Piano straordinario di potenziamento e riqualificazione della Flaminia predisposto da Anas e approderà in conferenza dei servizi il 25 marzo prossimo. Ora che la progettazione definitiva ed esecutiva è terminata, restano da completare gli ultimi passaggi dell’iter procedurale per dare il via ai lavori. La cantierizzazione dell’intervento verrà suddivisa in quattro fasi: la prima servirà a demolire le attuali isole spartitraffico, mentre nella seconda si procederà alla realizzazione della prima porzione della nuova rotatoria, comprensiva delle opere di impiantistica e di raccolta delle acque. Interventi analoghi, che interesseranno però un’altra parte della carreggiata, sono programmati nella terza fase, mentre nella quarta si procederà alla realizzazione dell’anello interno della nuova rotatoria spartitraffico, del marciapiede e delle ulteriori opere di finitura. Per consentire lo svolgimento lavori in piena sicurezza, durante le diverse fasi verranno disposti temporanei restringimenti della carreggiata. Tra gli obiettivi del progetto, inserito tra le opere finalizzate ad «agevolare la ripresa socio economica delle aree interessate dal sisma, mediante la riduzione dei tempi di percorrenza», c’è anche un innalzamento dei livelli di sicurezza. Oltre alla rotonda verrà infatti realizzato anche un attraversamento pedonale, che consentirà di superare le attuali criticità di quel punto della statale Flaminia, in cui si trova l’incrocio a raso che da una parte consente l’ingresso in città e dall’altro conduce verso la chiesa di San Pietro e Monteluco. Un punto pericolosissimo e ancor più frequentato dopo che è stato chiuso, con il sisma 2016, il Ponte delle Torri, che rappresentava l’unica alternativa di collegamento tra la città e Monteluco. Proprio per l’importanza che rivestirà il nuovo attraversamento pedonale, nella progettazione è stata dedicata grande attenzione all’impianto di illuminazione, che sarà realizzato con pali di altezza di nove metri e corpi illuminati con tecnologia led a basso consumo. L’attraversamento, secondo quanto si apprende, verrà realizzato a pochi metri dalla rotatoria, subito dopo lo svincolo per chi viaggia in direzione Terni. Entrando nel dettaglio tecnico, la rotatoria sarà – come si dice in gergo – a quattro braccia «con diametro esterno di 36 metri e corona giratoria distribuita su un’unica corsia larga 7 metri, con banchina laterale interna di mezzo metro ed esterna di un metro». Quello per la realizzazione della rotatoria è stato uno dei primi progetti conclusi nell’ambito della più complessa opera di riqualificazione della Flaminia, per cui sono previsti interventi per oltre 14 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA