CORONAVIRUS

Turismo del vino, la Regione fissa le regole

Giovedì 3 Settembre 2020

PERUGIA - Le nuove regole per il turismo del vino. La giunta regionale ha approvato il disciplinare per l'esercizio dell'attività enoturistica nel territorio regionale. «Con questo atto - sostiene l'assessore Morroni - la Regione Umbria rafforza e valorizza un settore di eccellenza. Il provvedimento dà seguito alla mozione approvata recentemente dall'Assemblea Legislativa e soddisfa un'aspettativa diffusa tra gli imprenditori agricoli e l'importante rete dell'indotto che ruota intorno al turismo del vino, un filone in forte crescita negli ultimi anni».
«Con il disciplinare - spiega l'assessore, in un comunicato della Regione - si recepisce, dandone attuazione, la legge nazionale 205 del 2017 che ha definito l'enoturismo quale nuova tipologia di attività correlata a quella agricola e si stabiliscono i criteri e le procedure per lo svolgimento dell'attività enoturistica in Umbria e per le funzioni di vigilanza e controllo che spettano alla Regione».
L'attività enoturistica, secondo quanto recepito nel disciplinare, è considerata attività agricola connessa dove svolta dall'imprenditore agricolo singolo o associato. Sono considerate attività enoturistiche: le attività formative e informative, le visite guidate ai vigneti aziendali ed alle cantine, le iniziative di carattere culturale e ricreative svolte in ambito aziendale, le degustazioni di vini anche in abbinamento con alimenti freddi preparati e/o manipolati in azienda. Vengono inoltre stabilite le linee guida e indirizzi in merito ai requisiti e standard minimi di qualità per lo svolgimento dell'attività enoturistica in termini di aperture settimanali, strumenti di prenotazione, cartellonistica, siti web, parcheggi, materiale informativo, ambienti dedicati e attrezzature, recipienti quali decanter e bicchieri, competenze del personale addetto: titolari, coadiuvanti, dipendenti o collaboratori esterni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA