Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Treofan, a Terni corteo contro lo smantellamento della fabbrica: lavoratori per protesta sul silo

Treofan, a Terni corteo contro lo smantellamento della fabbrica: lavoratori per protesta sul silo
4 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Novembre 2020, 19:26 - Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 08:48

 Tre lavoratori della Treofan di Terni sono saliti questa mattina su un silo adibito allo stoccaggio delle materie prime dell'azienda, in segno di protesta contro la liquidazione del sito deciso dalla proprietà Jindal. Il gesto è avvenuto al termine del corteo organizzato da rsu e segreterie locali di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e Ugl chimici in occasione della visita allo stabilimento del liquidatore della società. I tre, dopo aver raggiunto la cima del silo, ad un'altezza di circa 30 metri, si sono poi legati simbolicamente al serbatoio con delle corde. Sono infine scesi dopo circa mezz'ora. «Combatteremo fino all'ultimo affinché la vertenza non si concluda con la chiusura della fabbrica e con i nostri licenziamenti» l'appello partito dai lavoratori. Questi sperano che, anche sulla base degli strumenti in mano al governo italiano, la procedura di messa in liquidazione possa stopparsi e la società essere messa in vendita, per garantire così la continuità produttiva del sito. La lotta viene sostenuta anche dalle istituzioni locali. Tra i parlamentari umbri presenti stamani al presidio, insieme a Verini (Pd), Caparvi e Alessandrini (Lega), anche il senatore di Italia Viva Leonardo Grimani, oltre ad alcuni consiglieri regionali di vari schieramenti.

I Parlamentari della Lega. «Ribadiamo la nostra azione di sostegno ai lavoratori e di sollecito al governo, al ministro Patuanelli, al sottosegretario Todde», affinché la Treofan di Terni «non venga depredata da un imprenditore indiano che ha manifestato, come si sospettava un tempo, la volontà di acquisire quote di mercato e mandare a casa 150 lavoratori». Lo dicono in una nota i parlamentari umbri della Lega Virginio Caparvi, Valeria Alessandrini e Stefano Lucidi, il consigliere regionale Daniele Carissimi e il capogruppo al Comune di Terni, Federico Brizi, tutti presenti stamani al presidio permanente dei lavoratori davanti agli ingressi del sito ternano. «È una partita che passa solo attraverso un impegno forte del governo, che deve difendere il Paese Italia e una realtà produttiva strategica non solo per l'Umbria, ma per l'intera Nazione. Non possiamo rimanere inermi di fronte a questo tentativo di impoverimento del nostro tessuto produttivo e non possiamo permettere che a pagare le conseguenze dell'incapacità di rappresentanza dell'Italia nei confronti degli altri paesi siano i lavoratori e loro famiglie». Gli esponenti leghisti annunciano che «a livello parlamentare, ma anche a livello regionale e comunale» si muoveranno «uniti perché il governo ponga come priorità la questione della Treofan».

La diffida. Regione, Comune di Terni e segreterie nazionali di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil
hanno inviato una lettera di diffida alla Treofan Italy srl, dopo che l'incaricato dalla proprietà Jindal ha confermato l'apertura della procedura di liquidazione per lo stabilimento del polo chimico ternano. A firmare l'atto l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Michele Fioroni, il sindaco Leonardo Latini e i segretari delle tre organizzazioni, Sergio Cardinali, Lorenzo Zoli e Venere Balla.
«L'attuale situazione dello stabilimento di Terni della Treofan Italy srl - scrivono i sottoscrittori dell'atto -, contraddistinta da profonde criticità, determinate da scelte della proprietà in palese contrasto con le potenzialità produttive e del mercato, trae origine, a nostro avviso, da un disegno preordinato di dismissione del sito, da oggettive inadempienze contrattuali e degli impegni assunti, da atti in contrasto con la ratio di normative che hanno consentito l'acquisizione di rilevanti contributi».
Dopo avere ripercorso il processo che ha portato al ridimensionamento produttivo del sito, istituzioni e sindacati invitano la società «a dare puntuale seguito agli impegni assunti, revocando con  immediatezza ogni atto in contrasto con gli stessi».
Intanto i parlamentari della Lega Umbria annunciano che chiederanno al ministero dello Sviluppo economico «di convocare in via d'urgenza il tavolo Treofan» e di «riferire su tutte le azioni di contrasto alle scelte della multinazionale che erano state annunciate»

© RIPRODUZIONE RISERVATA