Torna la maratona di San Valentino: gli eventi e le limitazioni del traffico

Giovedì 13 Febbraio 2020 di Beatrice Martelli

TERNI      Domenica 16 febbraio si correrà a Terni la nona Acea Maratona di San Valentino, alla quale parteciperanno circa 2000 podisti provenienti da tutto il mondo: 81 gli stranieri scritti, 1500 i fuori regione. Con l’inizio a corso del popolo alle 9.30 e il traguardo posto a piazza della Repubblica, sono stati organizzati due percorsi competitivi, uno di 21 km e uno di oltre 42 km che raggiungerà anche Arrone, Montefranco e Ferentillo; inoltre è previsto un percorso ludico motorio, la «Family Charity Run», di 4 - 8 km che si snoderà per le vie del centro. Partiranno in seguito visite guidate della città, in Valnerina e a Narni, mentre alle 17 ci sarà la messa nella basilica di San Valentino. all’Oratorio della Chiesa di Sant’Antonio in via Curio Dentato ci sarà la cena del podista seguita dalla fiaccolata fino a piazza della Repubblica. 

Per la maratona saranno apportate delle modifiche al traffico: dopo lo start a corso del Popolo, via Lattes rimarrà chiusa solo dalle 9,20 alle 9,35, mentre via Turati, via Lungonera Savoia, via XX Settembre, via Pastrengo, via Serrati, via San Valentino, via Zaccaria rimarranno chiuse dalle 9,20 alle 10,20, come anche viale M. L. King e viale Centurini, anche se in via Di Vittorio e in via M. L. King rimarrà aperta una corsia a senso unico. Sul tratto di viale Brin dell’incrocio Centurini-Cascata delle Marmore la chiusura si protrarrà fino alle 15.15, mentre tra la Cascata e Arrone fino alle 14.45. Nel tratto tra Arrone e Ferentillo non si circolerà dalle 10.20 alle 13.45 ma nel tratto dal km 15 fino al bivio di Montefranco rimarrà aperta una corsia. Dalle 10.20 alle 15.30 invece chiusi incrocio Centurini, viale Brin, piazza Buozzi, via Mazzini e corso Tacito con solo una corsia a senso unico in viale Brin e in via Mazzini.

Ultimo aggiornamento: 20:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani