Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni, Visioninmusica porta al Secci la Colours Jazz Orchestra

Terni, Visioninmusica porta al Secci la Colours Jazz Orchestra
di Au. Prov.
2 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Aprile 2022, 19:31

TERNI- Con “American Songbook”  la Colours Jazz Orchestra porterà a Terni i brani come Cheek to cheek o When i fall in love, evegreen degli anni Venti e Trenta, fino agli anni Sessanta.  Venerdì 8 aprile, alle ore 21, al teatro Secci, la formazione diretta dal trombonista Massimo Morganti sarà ospite della diciottesima edizione di Visioninmusica. Che torna dal vivo dopo due anni di stop legati alla pandemia. La big band, che comprende cinque sax, quattro trombe, quattro tromboni e ritmica (chitarra, pianoforte, contrabbasso, batteria) con l’aggiunta del direttore Massimo Morganti (trombone), proporrà capolavori standard del jazz. L’idea che portò alla nascita della orchestra fu di mettere insieme i migliori musicisti dell’area marchigiana per costruire un gruppo votato alle tendenze innovative del sound orchestrale e nello stesso tempo capace di esprimersi con un approccio creativo e originale. Da qui le collaborazioni con artisti come il canadese Kenny Wheeler, la bandleader Maria Schneider, che fu il braccio destro di Gil Evans, la compositrice Ayn Inserto, docente del Berklee College. Un altro progetto, curioso quanto interessante, è stato l’incontro con il songwriter Roberto Livraghi, autore di popolari successi pop degli anni Sessanta  come “Quando m’innamoro”. A questa canzone è intitolato il disco “Quando m’innamoro… in Jazz”, pubblicato da Egea, originale rilettura della canzone in chiave jazz. L’orchestra ha inciso cinque dischi ed ha svolto una intensa attività concertistica, aprendosi anche alle nuove leve più promettenti del jazz italiano. L’ultimo lavoro discografico Momenti, vede la partecipazione di una sezione di archi e di una ritmica prestigiosa: Martin Wind al contrabbasso e Matt Wilson alla batteria, oltre alla voce di Marta Raviglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA