Ospedali e Usl, il Tar stoppa il concorso per 47 assunzioni a pochi giorni dalla prova

Ospedali e Usl, il Tar stoppa il concorso per 47 assunzioni a pochi giorni dalla prova
di Sergio Capotosti
2 Minuti di Lettura
Sabato 28 Maggio 2022, 09:15

TERNI Doveva essere la svolta occupazionale tanto attesa al Santa Maria, ma per il momento è tutto sospeso. Il Tar dell’Umbria ha bloccato il concorso per 47 posti di collaboratore amministrativo a tempo indeterminato. Uno stop che arriva a pochi giorni dall’inizio delle prove. I 1.800 candidati dovevano presentarsi lunedì e martedì prossimi (30 e 31 maggio) a Bastia, al Centro Umbria Fiere, per le prime prove. «L’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni comunica, con Delibera n. 487 del 27/5/2022, la sospensione dell’espletamento della procedura del concorso pubblico per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 47 posti di collaboratore amministrativo professionale prevista per i giorni 30 e 31 maggio 2022 presso il Centro Umbria Fiere a seguito della pronuncia del Tar Umbria pubblicata il 27/5/2022.
«L’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni - si legge in una nota dell’ospedale - comunica la sospensione dell’espletamento della procedura del concorso pubblico per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 47 posti di collaboratore amministrativo professionale prevista a seguito della pronuncia del Tar Umbria pubblicata ieri». Ora resta da capire quale saranno le mosse che intende mettere in atto il Santa Maria. «La direzione aziendale - prosegono dall’ospedale di Terni - si riserva ogni opportuna eventuale iniziativa avverso la pronuncia del Tar Umbria». Insomma, non è da escludere un braccio di ferro con il Tar, anzi. Il direttore generale Pasquale Chiarelli ha dato specifico compito di «dare la massima diffusione alla presente deliberazione attraverso sito web, quotidiani online e social», come si legge nella delibera firmata ieri per annunciare lo stop delle selezioni. 
Un effetto domino, la sospensione imposta dal Tar, che avrà ripercussioni su tutta l’Umbria dal momento che i 47 posti messi a bando dal Santa Maria, capofila del concorso, doveva essere suddivisi in tutta la regione: 7 all’ospedale di Terni, 5 all’Usl Umbria 2, 20 all’Usl Umbria 1 e 15 all’ospedale di Perugia. Da quello che Il Messaggero ha ricostruito, il Tar ha accolto il ricorso di una signora rispetto al mancato scorrimento di una vecchia graduatoria di un concorso fatto nel 2017 e bandito dall’ospedale di Perugia. Osservazione che il Tar ha accolto e ora a due giorni dall’inizio del concorso resta tutto sospeso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA