Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni, Tunisino "pericoloso" scarcerato e rispedito a casa, non potrà tornare in Italia per 10 anni

Terni, Tunisino "pericoloso" scarcerato e rispedito a casa, non potrà tornare in Italia per 10 anni
di Nicoletta Gigli
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 16:38

TERNI - E' tunisino, ha 52 anni ed è uscito dal carcere di Sabbione dopo aver scontato una condanna a sei anni ed è stato subito accompagnato in frontiera dalla polizia. Per i prossimi 10 anni non potrà più mettere piede in Italia e in tutto il territorio Schengen, pena l’arresto.

Fondamentale l’attività di indagine dell’ufficio immigrazione della questura di Terni che ,con il personale della terza sezione, attua da sempre un monitoraggio costante sugli stranieri pericolosi e che, anche in questo caso, ha espletato tutte le procedure necessarie per arrivare all’identità certa dello straniero, operazione resa difficoltosa dai 16 alias forniti dal tunisino.

L’uomo era stato giudicato colpevole di numerosi reati, commessi in tutta Italia con vari alias: furti, porto ingiustificato di armi e violazione della legge sugli stupefacenti, fino all’ultimo reato commesso a Terni, a gennaio scorso, quando, già agli arresti domiciliari per spaccio, si era reso responsabile di violenza sessuale nei confronti di una ragazza che si era recata a casa sua per acquistare una dose.

L’aggravamento della misura lo aveva riportato in carcere fino a ieri, quando i poliziotti, in esecuzione dell’espulsione giudiziaria, hanno ritirato il lasciapassare presso l’ambasciata della Tunisia e hanno accompagnato lo straniero all’aeroporto di Fiumicino, fino all’imbarco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA