Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni. Piediluco, scattano i controlli per i battelli. Istituito il servizio
di polizia municipale sul lago

Terni. Piediluco, scattano i controlli per i battelli. Istituito il servizio di polizia municipale sul lago
di U.G.
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 00:24

Lago di Piediluco più sicuro e con maggiori controlli grazie all’attivazione da parte del comune di Terni del servizio di vigilanza lacustre che sarà svolto dalla polizia municipale.   Servizio che per quest’anno, verrà svolto compatibilmente con le altre attività istituzionali della polizia locale e con l'attuale dotazione organica come spiegano da palazzo Spada. «Dal prossimo anno – spiega l’assessora alle risorse umane e all’organizzazione Giovanna Scarcia – si potrà anche pensare ad un presidio stabile sulle acque, questo, però, sempre che la pianta organica dell’ente lo possa permettere». Lo scopo dell’iniziativa è quella di garantire la sicurezza della navigazione sul bacino lacustre andando a prevenire e, se necessario, reprimere, tutte quelle condotte scorrette poste in essere dai fruitori del lago, sia con imbarcazioni a motore, vela o remi, sia a nuoto. Ma c’è anche dell’altro visto che il Comune calerà la lente anche su aspetti legati alla gestione deu battelli. L’assessore Scarcia annuncia questo giro di vite: «I vigili in perlustrazione sullo specchio d’acqua dovranno anche verificate se tutti i battelli che trasportano persone hanno a bordo tutti i dispositivi di sicurezza e se imbarcano più gente di quelle per cui è stata omologata». I battelli non sono i soli fruitori del lago: c’è la vela, il canottaggio, le barche di residenti e turisti ed anche il campo di flottaggio che, ha già eseguito da inizio anno, 20 prelievi d’acqua per mezzo dei  canaider per spegnere gli incendi in tutta l’Umbria. «Grazie all’implementazione del catamarano- spiega l’assessora - già in uso all’ente, sorveglieremo efficacemente il lago e avremo nuovi spunti operativi per l’attività di controllo del territorio che, dalla terra ferma, altrimenti non sarebbero rilevati».  Il catamarano è  stato dotato di dispositivi supplementari di allarme e costituirà anche un valido ausilio nei servizi di assistenza, anche nei casi di annegamento e di aiuto da parte di chi si trova sullo specchio d’acqua. Sono anni che si richiedeva un controllo sulla navigazione del lago che, nelle ore di maggiore afflusso di natanti, rischia di diventare pericoloso, senza una regola precisa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA