Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni piange Sergio Zavka, uno dei pinioeri della scalata in Umbria

Terni piange Sergio Zavka, uno dei pinioeri della scalata in Umbria
di Nicoletta Gigli
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 23:23

TERNI - Dolore per la scomparsa di Sergio Zavka, uno dei pionieri della scalata in Umbria. Sergio se n'è andato dopo una lunga malattia, affrontata con forza e con l'amore di sua moglie Rita Mirimao, sempre al suo fianco.

Fondatore e socio storico del Cai Terni intitolato a suo figlio, Stefano Zavka, scomparso nel luglio 2007 a 35 anni dopo aver raggiunto la vetta del K2, è un uomo che non si dimentica dìfacilmente. 

Il Cai ricorda con dolore il "pioniere dell'alpinismo ternano, nonché socio storico del club alpino".

Dopo l'addio al figlio Stefano, che la montagna ha cominciato ad amarla da piccolissimo grazie a papà Sergio e a Rita, infaticabile camminatrice, è nata l'associazione in sua memoria, protagonista di eventi che hanno riunito a Terni il gotha dell'alpinismo nazionale e internazionale.

Commosso il ricordo del sindaco, Leonardo Latini: "È venuto a mancare oggi Sergio Zavka, imprenditore, insegnante, grande appassionato di montagna, personalità forte e coinvolgente di grande rigore morale.
Figlio di Mario Zavka, che alla Siri ideò la prima auto ad ammoniaca, antesignana di quelle a idrogeno, papà di Stefano, alpinista scomparso nel 2007 dopo aver raggiunto la vetta del K2. Le condoglianze alla moglie Rita, attivissima presidente dell'associazione che porta il nome di Stefano, e alla figlia Sara".

Dal gruppo dei Monti Martani "un pensiero per Sergio, per il suo amore per le montagne e per i Martani".

© RIPRODUZIONE RISERVATA