Terni, investe un ciclista e scappa fingendo il furto dell'auto: raffica di denunce per un 34enne positivo alla cocaina

Terni, investe un ciclista e scappa fingendo il furto dell'auto: raffica di denunce per un 34enne positivo alla cocaina
di Nicoletta Gigli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Novembre 2023, 23:38

TERNI - Investe un ciclista e invece di fermarsi a prestare soccorso decide di scappare via.

Nonostante sia sotto l’effetto di stupefacenti dopo aver assunto cocaina riesce ad architettare un piano per tentare di sottrarsi alla proprie responsabilità.

Finge di aver subito il furto dell’auto, che va a denunciare nella caserma di via Radice, ma alla fine gli investigatori dell’arma scoprono la verità.

Per il 34enne ternano scatta così la denuncia con le accuse di simulazione di reato, fuga a seguito di sinistro stradale, lesioni personali stradali e guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.

La vicenda va in scena nel pomeriggio di domenica.

Il 34enne ternano, alla guida della propria autovettura, all’incrocio tra via Turati e via Di Vittorio investe un 37enne di origini nigeriane che sta percorrendo la strada in sella alla sua bicicletta.

Dopo l’incidente l’uomo non esita a scappare via, lasciando il nigeriano in terra dolorante.

Quando si allontana con l’auto la parcheggia in una strada poco distante e poi chiama la centrale operativa dell’arma. Denuncia il furto della  vettura ma la sua ricostruzione non convince i carabinieri.

Nel frattempo lo straniero, soccorso e trasportato in ospedale dall’ambulanza del 118, viene trattenuto in osservazione. Non ha riportato lesioni serie ma diverse escoriazioni e ferite che richiedono cure sanitarie.

I militari a questo punto si mettono a cercare l’autovettura che ha investito il 37enne e, dopo un paio d’ore, la ritrovano parcheggiata lungo via degli Oleandri.

Ha i segni dell’incidente avvenuto poco prima e gli investigatori, che non ci vedono chiaro, convocano il proprietario che ne aveva denunciato il furto.

Inchiodato dalle contraddizioni evidenti l’uomo alla fine ammette di essersi inventato tutto. L’ha fatto perché, confessa, è stato preso dal panico dopo l’investimento.

Per lui scattano gli accertamenti mirati a verificare le sue condizioni psico-fisiche. Le analisi cui viene sottoposto all’ospedale di Terni mettono in evidenza la sua positività alla cocaina. Per il 34enne, oltre ad una sfilza di denunce, scattano l’immediato ritiro della patente e il sequestro della vettura ai fini della confisca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA