COVID

Terni, anzichè la festa per i 40 anni organizza un evento per la raccolta fondi a una onlus

Martedì 13 Ottobre 2020 di Eugenio Raspi

TERNI Lorenzo Nicoletti ha quarant’anni, compiuti ad aprile, festeggiati alla fine del mese scorso. Una festa con amici e parenti e la sua splendida famiglia, i genitori, la moglie Antonella e i suoi figli: Giaele, Alessandro e Angelica. Dopo aver annullato la festa del giorno del suo compleanno, causa esplosione del Covid, non si è dato per vinto. Aveva preparato per tempo ogni dettaglio e non voleva rinunciare. Per questo, quando la situazione ha consentito di poter riproporre la festa, ha mandato dei nuovi inviti. Il luogo scelto la Polisportiva Boccaporco, a Terni, rispettando tutte le direttive Asl, prevedendo un servizio all’ingresso, con la misurazione della temperatura e l’elenco dei partecipanti.

La molla che ha spinto Lorenzo a non annullare l’evento che da tempo sognava era la sua finalità benefica. Infatti, sull’invito era riportato questo suo desiderio:

“Non voglio assolutamente nessun regalo, ma sarei felice se facessi una donazione per i bambini di Dynamo Camp. Troverai sul posto il SalvaDynaio per fare l’offerta e mostrare la tua generosità.”

Dynamo Camp è una Onlus che ha per missione quella di sostenere il diritto alla felicità dei bambini. Offre gratuitamente specifici programmi di Terapia Ricreativa a bambini e adolescenti affetti da malattie croniche, in terapia o nel periodo di post ospedalizzazione, ai fratelli sani e alle loro famiglie. A Dynamo Camp i bambini malati sono semplicemente bambini, la vera cura è ridere e la medicina è l’allegria.

Per questo Lorenzo non si è tirato indietro e non ha voluto annullare quando aveva organizzato. Al tirare delle somme, dopo la serenità di aver escluso guai sanitari, grazie al rigore dei protocolli, rispettando i distanziamenti, il risultato della giornata di festa Lorenzo lo ha reso orgoglioso.

“Insieme domenica abbiamo raccolto 1.200 euro da devolvere a Dynamo Camp! Una cifra davvero significativa, se si pensa che è stato un evento privato e per di più svolto in un periodo complicato come quello che stiamo vivendo. Ma la generosità di chi ha partecipato in modo convinto alla festa e quella di chi, pur non potendo venire, ha comunque fatto il gesto nobile di far pervenire una donazione, sono state realmente incredibili e hanno superato ogni mia più rosea aspettativa. Il merito dunque è soltanto vostro e di coloro che mi hanno affiancato nell'organizzazione, mia moglie Antonella su tutti, che per più di un anno si è dovuta cibare le mie paturnie riguardo questo charity party che tanto mi stava a cuore. Special thanks a Giordano Petrini, Marco Giuliani e i Galileo - Queen Tribute, a Edoardo Nardin e a Tiziano Caldarelli & Augusto per aver messo a disposizione la loro arte per intrattenerci, divertirci e aiutarmi a raggiungere un obiettivo importante. E a Monica Consolini, volontaria Dynamo solare, instancabile e disponibile. Thank you all.”

Il cuore di Lorenzo, oltre che bianconero, è davvero grande, ha battuto Covid e indifferenza, per consentire a dei bambini bisognosi di cure, ma anche di divertimento, di essere felici come lo è stato lui il giorno del suo compleanno, festeggiato con ritardo, ma non per questo meno gioioso. Un gesto fatto non per apparire ma per dare una mano concreta. Un atto che merita di essere sottolineato, a dimostrazione che la vera generosità, nonostante l’emergenza, non è ancora passata di moda.

 

Ultimo aggiornamento: 16:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA