Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni. Convegno sulla telemedicina tra opportunità
e prospettive future. Il punto della situazione

Terni. Convegno sulla telemedicina tra opportunità e prospettive future. Il punto della situazione
di U.G.
1 Minuto di Lettura
Venerdì 6 Maggio 2022, 14:52

L’assistenza al paziente si può fare anche fuori dalle mura dell’ospedale con la  telemedicina che, nella gestione della pandemia, ha rappresentato un valido e insostituibile strumento della medicina territoriale. Si parlerà e discuterà di questo al convegno “Telemedicina nell’era covid. Opportunità e prospettive future” che si terrà questa mattina (ore 8) presso la sala dell’Arpa. Il convegno è stato promosso dal dottor Gianni Giovannini ex direttore generale del “Santa Maria” ed ex dirigente regionale, da Mauro Zampolini, direttore dipartimento di riabilitazione dell’Usl 2 e da Giuseppe Stipa dirigente di neuro fisiopatologia dell’ospedale di Terni. «Oggi più che mai – afferma Giovannini- ci siamo resi conto dell'importanza di poter avere una giusta assistenza sanitaria anche fuori dalle mura dell'ospedale o delle strutture adibite alla cura dei malati. La telemedicina si è dimostrata una delle armi più idonee nella gestione della pandemia e rappresenta un valido ed insostituibile strumento della medicina territoriale». L’evento formativo è stato patrocinato dalla società italiana di Telemedicina dell’ Istituto superiore di sanità, dall' Usl  Umbria 2,  dall' Unipgi e dall' Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri di Terni, Un problema che si cerccherà di affrontare e dare anche indicazioni sul come. Ci hanno provato in tanti ma la telemedicina, nella nostra provincia, ha avuto sempre difficoltà ad affermarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA