Terni, in casa due chili e mezzo di droga e 27mila euro in contanti: arrestati due ternani

La base dello spaccio in una casa delle Cinque Strade

Terni, in casa due chili e mezzo di droga e 27mila euro in contanti: arrestati due ternani
di Nicoletta Gigli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Dicembre 2023, 07:11

TERNI - Due chili e mezzo di droga tra hascisc e marijuana distribuiti nelle stanze dell’appartamento nella zona residenziale Cinque Strade.

E un tesoretto in denaro che dà la misura degli incassi garantiti dall’intensa attività di spaccio che sarebbe stata portata avanti dal proprietario della casa piena di droga, un ex militare ternano di 29 anni.

Gli investigatori dell’antidroga hanno recuperato più di 27mila euro in contanti.

Erano nascosti in una cassetta militare a chiusura ermetica, di quelle che di solito vengono utilizzate per riporre le cartucce.

In manette è finito anche un cliente del 29enne, un ternano di 26 anni titolare di una ditta edile. Aveva appena acquistato a 400 euro due cilindri di hascisc da cinquanta grammi ciascuno ed è stato bloccato mentre si allontanava dalla casa delle Cinque Strade.

A indirizzare gli investigatori della squadra mobile ternana le segnalazioni di chi abita nella zona residenziale della parte alta di Borgo Rivo. I residenti hanno indicato quella casa singola, lungo una strada senza uscita, dove c’era un continuo viavai di persone estranee al quartiere.

Gli investigatori dell’antidroga si sono appostati nella zona indicata e hanno visto arrivare un’auto con due uomini. Il passeggero è entrato nel portone, da cui è uscito dopo qualche minuto. L’auto è stata fermata e il 26enne è stato trovato in possesso di un etto di hascisc. Per lui, che ha un precedente per reati legati a manifestazioni sportive, è scattato l’arresto. Un’altra pattuglia era pronta ad attendere il proprietario dell’appartamento, fermato mentre usciva dal portone, ed è scattata la perquisizione domiciliare.

Nella stanza che sarebbe stata utilizzata come laboratorio per confezionare lo stupefacente, divise in diversi contenitori ermetici, un chilo di “cime” di marijuana e dentro ad alcuni vasetti di vetro la stessa sostanza ma di qualità superiore.

E poi bilancini, un coltello con la lama ancora sporca di hascisc e una macchina per confezionare i sacchetti sottovuoto. Nelle altre stanze quattro panetti di hascisc per un totale di oltre quattro etti e più di venti cilindri con dentro più di un chilo della stessa sostanza.

Tutta la droga sequestrata, in parte acquistata dal 26enne fermato dalla polizia dopo aver fatto compere, una volta distribuita sul mercato avrebbe fruttato 50mila euro.

A dare la misura del grosso giro di spaccio stroncato dalla squadra mobile col blitz di lunedì pomeriggio svolto col coordinamento del pm, Marco Stramaglia, è il recupero di 27mila euro nascosti nelle stanze dell’appartamento trasformato in un market della droga. 

In sede di direttissima il giudice, Simona Tordelli, dopo aver convalidato gli arresti, ha disposto i domiciliari per il 29enne e l’obbligo di firma per il 26enne.

Le indagini sono solo all’inizio. Con le indagini mirate a risalire ai canali di rifornimento di hascisc e marijuana e a individuare i clienti, che a loro volta avrebbero piazzato in città grossi quantitativi di stupefacenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA