Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Blitz dei carabinieri nei negozi etnici, lavoratori in nero e cibo scaduto e mal conservato: denunce e sequestri

Blitz dei carabinieri nei negozi etnici, lavoratori in nero e cibo scaduto e mal conservato: denunce e sequestri
2 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Febbraio 2022, 08:51 - Ultimo aggiornamento: 16:44

TERNI  Durante la mattina dello scorso 16 febbraio a Terni, i militari del nucleo operativo e Radiomobile del locale Comando Compagnia carabinieri, unitamente a personale del Nas  di Perugia, del nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro di Terni e agli Ispettori civili dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Terni, al termine di una mirata attività volta ad frenare i fenomeni dello sfruttamento del lavoro nero, della mancata sicurezza sui luoghi di lavoro e per verificare la corretta applicazione del protocollo covid-19, hanno rilevato diverse irregolarità. Presso un esercizio commerciale etnico rumeno di alimentari e generi vari con sede in viale Curio Dentato i militari operanti hanno denunciato il  titolare del negozio poiché, all’interno della citata attività, era stato montato un impianto di videosorveglianza senza le preventive autorizzazioni alla installazione ed al funzionamento.

In unm altro altro esercizio commerciale etnico rumeno di alimentari e generi vari con sede in viale Brin i militari operanti hanno denunciato il titolare del negozio in quanto resosi responsabile delle violazioni relative alla mancata redazione del documento di valutazione rischi ed alla mancata nomina del responsabile del servizio per la prevenzione e protezione dei lavoratori sul luogo di lavoro; l’uomo, che dopo aver sanato l’oggetto della contravvenzione penale dovrà pagare un ammenda pari ad euro 5.500, è stato sanzionato amministrativamente per aver occupato due lavoratori irregolari con contestuale sospensione dell’attività imprenditoriale (la sanzione amministrativa complessiva è pari ad euro 6.100); allo stesso, e ad un suo dipendente, è stato contestato l’illecito amministrativo dell’accesso sul luogo di lavoro senza “green pass” (la sanzione amministrativa è pari ad euro 1.200 euro); infine, il personale del Nas di Perugia dopo aver riscontrato la presenza di 42 kg di cibo scaduto e  in cattivo od errato stato di conservazione, nonché la presenza di carni al banco oggetto di macellazione senza la prevista autorizzazione, sanzionava amministrativamente il titolare per complessivi euro 3.000. In totale sono state elevate ammende per complessivi 7.049,37 euro  sanzioni amministrative per complessivi 10.300euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA