Terni, botte e violenze alla moglie
che non lo voleva: marito arrestato

Giovedì 14 Giugno 2018
TERNI  Ha costretto la moglie a subire ripetuti rapporti sessuali poi, quando lei ha cercato di rifiutarsi, l'ha brutalmente picchiata, colpendola al volto con numerosi pugni e minacciandola di morte con due coltelli, per poi chiuderla in camera: è l'accusa per la quale è stato arrestato a Terni dalla polizia un tunisino di 39 anni. L'uomo è stato bloccato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare del gip al termine di accertamenti della squadra mobile. Violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali aggravate i reati contestati. A dare il via all'indagine è stato un referto arrivato in questura dal pronto soccorso dell'ospedale, relativo ad una donna che aveva riportato fratture multiple alla caviglia e alle ossa nasali, nonché ecchimosi e contusioni in varie parti del volto e del corpo, con una prognosi di 40 giorni. Lei stessa aveva poi riferito - ha spiegato la polizia - che il marito l'aveva picchiata dopo essersi rifiutata di acconsentire ancora alle sue richieste sessuali. E quando aveva tentato la fuga - ha sostenuto ancora la donna con gli investigatori - era stata raggiunta sulla porta e per bloccarla, il marito le aveva fratturato la caviglia, chiudendola infine in camera. L'uomo è risultato già inquisito in passato per vari reati, tra cui spaccio di stupefacenti e lesioni. Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri