Terni, Armati di pistola rapinarono due farmacie in due ore: Condannati a 4 anni e otto mesi

Terni, Armati di pistola rapinarono due farmacie in due ore: Condannati a 4 anni e otto mesi
di Nicoletta Gigli
2 Minuti di Lettura
Sabato 16 Aprile 2022, 03:25

TERNI - A marzo 2021 in due ore avevano messo a segno due rapine a mano armata in altrettante farmacie, una a Terni e l’altra a Ponte san Giovanni.

Tre mesi dopo, traditi dalle scarpe che indossavano, dal cambio di monete per 70 euro lungo la E45 e dall’auto intestata alla madre di uno dei due, erano finiti in carcere al termine di un’indagine della squadra mobile ternana.

I due, un viterbese di 47 anni e un 43enne di Montalto Di Castro, sono stati condannati a 4 anni e otto mesi di carcere dal giudice, Simona Tordelli, grazie allo sconto di pena previsto dal rito abbreviato.

Le telecamere di videosorveglianza dell’area di servizio lungo la E45, all’altezza di Acquasparta, avevano immortalano i due mentre facevano colazione giocherellando con decine di monetine. Prima di ripartire alla volta di Perugia per svaligiare un’altra farmacia uno dei due chiese al proprietario di cambiargli quelle monete. Settanta euro in totale, la stessa cifra portata via poco prima dalla cassa della farmacia Aita di viale della Stazione insieme ad altri 2mila euro in banconote.

Quel giorno, era il 29 marzo 2021, alle 12 e 25 le telecamere immortalarono l’ingresso del rapinatore solitario 43enne nella farmacia Aita: puntò la pistola contro il titolare, lo fece stendere a terra e infilò il denaro in una busta della spesa. Alle 14 e 21 fu la telecamera della farmacia comunale di via della Scuola a filmare le gesta del rapinatore. Puntò la stessa arma contro il farmacista, prese il denaro in cassa, mille e 700 euro, lo infilò nella busta della spesa e sparì nel nulla.

L’autore materiale delle rapine, con precedenti per droga e reati contro il patrimonio, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno a Viterbo, è ancora in carcere a Grosseto. Il 47enne  che gli faceva da palo invece e ai domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA