CORONAVIRUS

Terni, Pasqua 2020: al posto degli arcobaleni gli striscioni con "Cristo è risorto"

Domenica 12 Aprile 2020 di Riccardo Marcelli

TERNI - A proporlo sono stati i Salesiani di Terni, quelli che hanno come punto di riferimento il Santuario di San Francesco. «Appendete alle finestre un lenzuolo con la scritta Cristo è risorto». Così qualche famiglia nel giorno di Pasqua ha accolto l'invito. E, almeno per un giorno, gli striscioni arcobaleno, nei quali campeggiano scritte "andrà tutto bene", sono state sostituite con altre inneggianti la resurrezione di Gesù Cristo
Questo atteggiamento della popolazione è in linea con quanto sta accadendo in questi giorni di Coronavirus nei quali il mondo vicino la chiesa si è mobilitato per stare vicino agli altri, come ha ricordato il vescovo Giuseppe Piemontese durante l'omelia pasquale: «Tanti sono i cristiani anche delle nostre città, dediti a sollevare i bisognosi: sacerdoti e laici impegnati  nella Caritas diocesana, nell’Associazione di Volontariato San Martino,  presso la mensa San Valentino e in tante altre opere di emergenza; si è avuta la bella  testimonianza dei giovani dell’Azione cattolina, della Comunità di Sant’Egidio, del Cammino neocatecumenale, del Movimento per la Vita, dell’Agesci, della Gifra e di altre associazioni che si sono attivati per servire anziani a domicilio. E tanti altri singoli che hanno inventato piccole e grandi forme di amore e di solidarietà direttamente e a distanza. Questi sono l’espressione della pasqua vera, premessa di speranza».
Una speranza per la città intera.  

Ultimo aggiornamento: 20:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA