CORONAVIRUS

Ternana, Bandecchi a Terni: "Servono riforme, pronti ai playoff, squadra motivata"

Mercoledì 27 Maggio 2020 di Paolo Grassi
Il presidente della Ternana, Stefano Bandecchi
Playoff, riforma del calcio, stadio, impianti e solidaretà. Il presidente della Ternana, Stefano Bandecchi, è tornato a Terni per la prima volta dopo il lockdown da coronavirus. E' stata l'occasione per visionare la situazione del terreno dello stadio Liberati recentemente risistemato, ma anche per incontrare per la prima volta dopo due mesi e mezzo la squadra e lo staff tecnico, tutti radunani dal massimo dirigente rossoverde sugli spalti ai distinti B, con le dovute distanze rispettate. Poi, prima di lasciare lo stadio, ha risposto ad alcune domande dei cronisti. A cominciare dalla sua idea sulla possibilità di far tornare in campo la serie C con i playoff e i playout, oppure procedere subito alla riforma del calcio con la serie B a 40 squadre. "Io - ha risposto - lascio tutti lavorare nella condizione più giusta. Ma non sarà più possible, né economicamente sostenibile, una serie C a 60 squadre. Ci vuole una categoria professionistica fatta con squadre adeguate e bacini d'utenza adeguati. Riguardo alla possibilità di giocare i playoff, ci stiamo mettendo in condizione di farli". Rilancia anche la Coppa Italia di serie C, con la Ternana che è in finale contro la Juventus Under 23. "La coppa sarebbe l'unico vero merito sportivo da prendere in considerazione, se si dovesse arrivare a quel parametro. Sbaglio, o si è sempre detto che il campo verde di gioco è quello che conta?" L'incontro con la squadra e lo staff tecnico lo ha soddisfatto: "Ho trovato i ragazzi motivati. Stanchi di stare fermi". Sul campo del Liberati: "L'erba è in buone condizioni, anche perché non ci si gioca sopra". Nella stessa giornata, in programma un incontro con il sindaco di Terni, Leonardo Latini, anche per parlare di impiantistica e probabilmente del futuro dello stadio. "Sono tutte questoni aperte. Intanto, sappiamo dove va il settore giovanile (al Sabotino dove è stato avviato il cantiere per la ristutturazione, ndr). Stiamo andando avanti sulla strada intrapresa, che è una strada di costruzione. Ormai, ci fermerà solo la morte". Infine, l'attività di Terni col Cuore, l'associazione da lui voluta per sostenere ecomincamente le categorie più deboli della città: "Fino ad ora abbiamo fatto tante iniziative, ma tante ancora dovremo farne. A volere questa associazione, è stata la Ternana, con tutte le sue componenti, compresi i tifosi e compresi i calciatori che con il loro atteggiamento stanno dimostrando attaccamento alla squadra e alla città. Io mi auguro sempre che un giorno non debba più esistere, perché significherbbe che a Terni non ci sarebbero pià categorie bisognose".
Le dichiarazioni complete del presidente Bandecchi, sull'edizione cartacea de Il Messaggero di giovedì 28 marzo. © RIPRODUZIONE RISERVATA