Tari: il consiglio comunale
approva tariffe e scadenze

Venerdì 29 Maggio 2020
TERNI  E’ stata ratifficata nella seduta con 19 voti favorevoli, dal consiglio comunale la delibera di giunta n. 93 del 13.05.2020 sulle Feterminazione per l’esercizio 2020 delle tariffe e delle scadenze relative alla Tari.
L'atto prevede la possibilità di confermare per l’anno 2020, in deroga alle disposizioni vigenti, le tariffe della TariI applicate per il 2019. La conferma avviene  stabilendo che in attesa dell’approvazione del piano economico finanziario del servizio rifiuti Pef 2020, approvato entro il 31 dicembre 2020, verranno elaborate ed inviate ai contribuenti le richieste di pagamento per il 2020 nella misura pari al 90% dell’importo dovuto per l’anno 2019.
L’eventuale conguaglio tra i costi risultanti dal Pef per il 2020 ed i costi determinati per l’anno 2019 potrà essere ripartito in tre anni, a decorrere dal 2021. Slitta dal 30 giugno al 31 luglio la data del termine di approvazione delle tariffe Tari, così come stabilito la bozza del Decreto Rilancio, redatta al 10 maggio 2020. Relativamente alle scadenze dei pagamenti, queste saranno le seguenti: prima rata 30.6.2020; seconda rata 30.9.2020; terza rata 30.11.2020. E' prevista la novità di ripartire il carico tributario nella misura percentuale unitaria per singola scadenza di 1/3 sempre con riferimento alla quota del 90% dell’importo totale dell’imposta dovuta per la nettezza urbana per l’anno 2019 anche ai fini degli obblighi di pubblicazione. E’ prevista, inoltre, la possibilità di eseguire il versamento in unica soluzione entro il 30.6.2020 e di stabilire che le riduzioni eventualmente previste verranno applicate in sede di determinazione della rata di conguaglio. «In questo momento si è ritenuto di applicare una parte del 90% su tre rate, in sede di rideterminazione della tariffa saranno definiti gli utenti a sgravio e gli utenti a conguaglio», ha concluso l'assessore Masselli. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani