Orvieto, la sindaca Tardani
bacchetta il Governo:
«I bambini non devono uscire»

Mercoledì 1 Aprile 2020

ORVIETO «Tutti stiamo facendo sacrifici enormi per le limitazioni imposte dalla quarantena, in  primis i nostri bambini, ma non è il momento questo di allentare l'attenzione: vi invito ad evitare anche le passeggiate con i figli sotto casa, restiamo a casa e limitiamo assolutamente allo  strettissimo necessario tutti gli spostamenti».  Il sindaco di Orvieto, Roberta Tardani, commenta così la circolare del 31 marzo del ministero degli Interni e i  successivi chiarimenti del Viminale inerenti il divieto di ogni  forma di assembramento.  «Le regole sugli spostamenti - spiega il sindaco in una nota -
non sono affatto cambiate. Sono limitate a motivi di lavoro, di assoluta urgenza o di necessità e di salute. Siamo ancora nella  fase evolutiva della diffusione del virus e non possiamo  permetterci di abbassare la guardia tantomeno mettendo a rischio  la salute dei nostri bambini e delle nostre famiglie.I controlli della polizia locale e delle forze dell'ordine sono  in corso e sono stati intensificati».  Come noto, le sanzioni sono state inasprite e, alla luce delle  comunicazioni da parte del Governo sulla proroga temporale di  tutte le misure di contenimento del Covid-19, in attesa di  provvedimenti ufficiali, stiamo valutando l'applicazione di  ulteriori provvedimenti restrittivi per limitare gli spostamenti«.

Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 17:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani