MATTEO SALVINI

«Nessuno può schernire la mia chioma», in consiglio comunale show del vicepresidente leghista VIDEO

Giovedì 1 Ottobre 2020 di Ilaria Bosi
2

In principio fu Sansone. Eppure neanche lui, il giudice biblico che dai capelli traeva la sua forza prodigiosa, aveva osato tanto: scomodare un consesso pubblico per fare un'apologia della sua chioma. Ma ciò di cui non c'è memoria nella Bibbia, tantomeno nella storia del mille a.C., si è registrato a Spoleto, nell'anno 2020 e nel bel mezzo di un consiglio comunale convocato in piena crisi di maggioranza, con l'aumento della tariffa sui rifiuti per le famiglie da approvare, unito al disappunto per la mancata introduzione delle richieste misure di sostegno alle imprese danneggiate dal covid. È stato nel bel mezzo di questo consesso ad alta tensione, in cui Fratelli d'Italia ha annunciato l'abbandono della maggioranza, che il vicepresidente del consiglio comunale, il leghista Stefano Proietti, ha preso la parola per fare una comunicazione.

E le sue parole, come si può ben vedere dall'occhiata incredula lanciatagli dal presidente del consiglio Sandro Cretoni, hanno davvero spiazzato tutti. Non certo per spessore politico. «Trovo inaccettabile che qualcuno si prenda scherno dei miei capelli», è il tenore dell'articolata comunicazione pubblica dell'esponente di maggioranza, che sarebbe peraltro riferita - per quanto è dato sapere -  a qualche commento lasciato sui social o in alcune chat da un paio di privati cittadini. E se l'incredulità di Cretoni è ben visibile dall'inquadratura della diretta streaming del Comune, il mormorio dei consiglieri di opposizione in aula completa lo scenario di generale perplessità in un'assemblea annunciata sì come particolarmente calda, ma in cui l'unico tema di discussione che avrebbe dovuto riguardare una caduta era semmai quello relativo alla giunta guidata dal magistrato di Cassazione Umberto De Augustinis e non certo ai capelli del consigliere leghista.  Che, come egli stesso ha assicurato, godono di ottima salute. 
 

Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 14:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA