Gabriele di Foligno il primo nato in Umbria. Poi Eleonora a Perugia e Pietro a Terni

Gabriele di Foligno il primo nato in Umbria. Poi Eleonora a Perugia e Pietro a Terni
2 Minuti di Lettura
Martedì 1 Gennaio 2019, 12:21 - Ultimo aggiornamento: 16:53

PERUGIA - Foligno, Perugia e Terni: questa la classifica dei primi nati in Umbria.

l primo nato del 2019 negli ospedali dell'Azienda Usl Umbria 2 è un bambino di nome Gabriele, nato al "San Giovanni Battista" di Foligno alle ore 1.56. Pesa 3 chili e 320 grammi e gode di ottima salute. In queste prime ore del nuovo anno non si registra ancora nessuna nascita negli ospedali "Santa Maria della Stella" di Orvieto e "San Matteo degli Infermi" di Spoleto. Nella struttura ospedaliera di Spoleto l'ultimo nato del 2018 si chiama Francesco, partorito in acqua alle ore 1.30 del 31 dicembre. Pesa 2 chili e 950 grammi ed è in ottima salute. 

Eleonora è venuta alla luce alle 2.50 , pesa 3.060 chili, è la primogenita di Elisa e Paolo, una coppia che vive nel capoluogo di regione. A voler invece festeggiare la mezzanotte con i genitori Federica e Davide,  perugini anche loro, è stato Lorenzo, ultimo nato del vecchio anno, esattamente alle 23.07.

Il primo vagito del 2019 nel reparto di ostetricia di Terni è stato alle 3 quando è venuto alla luce Pietro, un maschietto figlio di genitori residenti a Terni che alla nascita pesava 3.160 chili. Sicuramente più avventurosa la nascita di Gabriele. Al pronto soccorso, nella sala emergenza, immediatamente trasformatasi in una sala parto,  in presenza del ginecologo, dell’ostetrica e del pediatra e con il prezioso supporto dell’equipe del pronto soccorso è nato alle 6.23 (3.420 chilogrammi, residente a Magliano Sabina) che è figlio di una “bed manager” che lavora quotidianamente in ospedale.

All’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino la cicogna è arrivata alle 6.33 del 1 gennaio: è un bambino di nazionalità Italiana residente nel comune di Gubbio, pesa 4.370 chili e si chiama Nicolas. Nessun nuovo nato invece agli ospedali di Città di Castello e Media Valle del Tevere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA