Riapre il teatro dopo la pandemia
Al Secci va in scena la vita di Raffaello

Riapre il teatro dopo la pandemia Al Secci va in scena la vita di Raffaello
2 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Maggio 2021, 10:05

TERNI Venerdì 11 e sabato 12 giugno, alle 20, il teatro Secci di Terni ospita, nell'ambito della stagione di prosa del Teatro Stabile dell’Umbria,  Raffaello Il figlio del vento, un'opera incentrata sul grande pittore Raffaello Sanzio.
Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria e Doc Servizi, è scritto e interpretato da Matthias Martelli, accompagnato dalle musiche dal vivo del Maestro Castellan. 
E’ possibile acquistare i biglietti al botteghino del Caos, in via Franco Molè,  aperto dal giovedì alla domenica 10.00-13.00 || 17.00-20.00, tel 0744/1031864, ed anche on-line nel sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.
Si può prenotare  al botteghino telefonico regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo.
Chi aveva acquistato il biglietto per lo spettacolo non andato in scena nel novembre scorso può cambiare i vecchi biglietti con quelli delle nuove date alla biglietteria del CAOS.  Per gli abbonati della Stagione 2019/2020 sono previsti biglietti ridotti.
L'opera. Raffaello figlio del vento vuole essere la celebrazione della vita di un genio, ma anche la risposta a un'esigenza del presente: oggi, come non mai, e necessario puntare a un nuovo Rinascimento dell'arte e della cultura nel nostro Paese.Considerato simbolo di grazia e perfezione, la vita del pittore esplode non solo di arte pura ma anche di felicita, eros, sfide, contraddizioni e perfino polemiche con l’autorità e il senso morale del tempo. Matthias Martelli, riprende la tradizione del teatro giullaresco e di narrazione e trascina lo spettatore all’interno di un viaggio appassionante, rendendo vivi i personaggi, entrando con le immagini e le parole dentro i capolavori di Raffaello, scoprendo le curiosità, i suoi amori e immergendosi nel clima dell’epoca. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA