Scuola, addio alla quarantena:
ecco il piano in caso di contagio in classe

Scuola, addio alla quarantena: ecco il piano in caso di contagio in classe
di Remo Gasperini e Fabio Nucci
4 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Ottobre 2021, 09:44

PERUGIA Bloccata la quarantena automatica alle medie e alle superiori per i compagni di classe di uno positivo, il che vuol dire cancellare, per gli studenti sani, giorni e giorni di Dad in ossequio al principio di massima cautela. É questa la novità più importante del “Piano scuole per l’anno scolastico 2021-22” rimodulato dall’Assessorato alla Salute della Regione che nella pubblicazione del 24 settembre aveva invece approvato in toto il più prudente documento del Cts. La ridefinizione è stata fatta «a seguito della valutazione epidemiologica condotta dai Servizi di Prevenzione» che del resto avevano previsto un allentamento delle misure di quarantena, cosa chiesta a gran voce, proprio dalle colonne de Il Messaggero, dal vice sindaco di Perugia e pediatra Gianluca Tuteri.
Entrando nello specifico della procedura operativa del nuovo piano, che di fatto riporta in auge larghi tratti di quello redatto nella scorsa Primavera con il coordinamento del dottor Emilio Paolo Abbritti, oltre le ricorrenti disposizioni su distanziamento (1 metro tra studenti e 2 con i prof), mascherine, igienizzazione e areazione dei locali, il nocciolo riguarda proprio la gestione dei casi. Detto che per ogni ordine e grado di scuola è una costante il tampone antigenico Cleia al tempo 0 per tutti i contatti (classe, docenti e collaboratori scolastici), per la scuola dell’Infanzia, dove i bimbini non usano né rispettano il distanziamento, tutto invariato nel caso di un alunno positivo: il gruppo classe-sezione, compresi i collaboratori scolastici se hanno svolto attività di assistenza sul bambino, sarà posto in quarantena con tampone dopo 7 o 10 giorni dal contatto a rischio, a seconda dello stato vaccinale. Quarantena di gruppo classe anche nel caso di un docente positivo.
Alle Primarie quarantena solo per i vicini di banco del positivo, mentre si attuerà la vigilanza sugli altri con tampone da ripetere dopo 5 giorni, a meno di sintomi in itinere, senza interrompere l’attività didattica in presenza. Analoga procedura senza quarantena per i docenti. Invece all’esito positivo dei tamponi a tempo 0 di uno o più contatti del positivo, scatterà la quarantena per l’intera classe e i docenti. Per le scuole secondarie di I e II grado al manifestarsi del caso indice, all'esito negativo del test di tutto il gruppo classe non saranno attivati provvedimenti di quarantena e, in assenza di sintomi, si potrà riprendere la frequenza scolastica con obbligo per insegnanti e alunni di comunicare tempestivamente comparsa di eventuali sintomi Covid correlabili. Come per le Primarie, quarantana per tutti se dai tamponi di controllo a tempo 0 risulta un ulteriore o più positivi. Il Piano ha stabilito inoltre il potenziando del contact tracing, applicando una strategia di testing tempestiva e definendo profili di rischio diversi in relazione all’ordine della scuola e al ruolo del caso indice: alunno, docente, operatore scolastico.
La rimodulazione del Piano scuola segue l’evoluzione della curva epidemica che a livello regionale prosegue il suo trend discendente. Tra martedì e mercoledì mattina scoperti 32 nuovi contagi, col tasso di positività dei tamponi molecolari stabile sotto l’1,5% mentre la media mobile per la prima volta dal 18 luglio è scesa sotto il 2%. Non meraviglia che anche nella popolazione scolastica i contagi siano stabili: tra il 28 settembre e il 5 ottobre, nessun nuovo caso tra gli alunni (40 contagi, lo 0,02% del totale), tre contagi in più tra i docenti (5 il totale), 2 cluster n meno (9 in totale) e -37 contatti stretti in isolamento. Tornando alla situazione epidemica, stabili i degenti Covid totali, 50, divisi tra 44 ordinari e 6 in intensiva, reparti nei quali nell’ultima settimana si sono registrati sei ingressi e altrettante uscite. Si conta però un nuovo decesso, il terzo negli ultimi sette giorni.
La ritirata del virus si accompagna con la costante crescita della copertura vaccinale, con quasi 600mila umbri che hanno completato il ciclo primario (l’80,9% degli over 12). Condizione che ormai riguarda il 75% dei ventenni e quasi il 60% dei ragazzi in età scolare tra i quali la copertura con almeno una dose ha raggiunto il 67,2%. Nell’ultimo giorno e mezzo, si contano altri 1.200 nuovi vaccinati mentre prosegue a ritmo elevato la somministrazione di terze dosi: oltre 9.500 quelle iniettate dal 20 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA