Santa Maria, ora i papà possono entrare in sala parto

Mercoledì 1 Luglio 2020
TERNI «Finalmente all’ospedale di Terni è garantito ai padri l’accesso in sala parto», così il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca ricordando che in un’interrogazione a risposta scritta presentata poche settimane fa chiedeva «percorsi di attesa al parto comuni, visto che il tampone dei padri scontava un’attesa più lunga, dalla quale dipendeva la possibilità di accedere o meno in sala parto insieme al coniuge». «Apprendiamo con soddisfazione - commenta il capogruppo penstastellato in una nota della Regione - l’approvazione della delibera dell’Azienda ospedaliera ‘Santa Marià di  Terni che modifica il precedente atto del 21 maggio nel quale la procedura di accesso, per le partorienti e il partner, prevedeva la precedenza del risultato del tampone alle prime e la separazione dei coniugi prima del responso di entrambi i tamponi». «L’Istituto superiore di sanità - aggiunge De Luca - ricorda che per tutte le partorienti debbano essere garantiti gli stessi diritti, in primis rispetto, dignità e possibilità di avere accanto una persona di propria scelta, per condividere le gioie e le preoccupazioni di un momento tanto determinante come quello del parto. Verificheremo - conclude - che questo diritto sia garantito in tutti i punti nascita dell’Umbria».  Ultimo aggiornamento: 20:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA