Narni, la Rivincita, gioia e soddisfazione tra i bianconeri di Mezule
«Una felicità che ci ripaga di tutta la fatica
Aspettavamo questo momento da sei anni»

Lunedì 30 Settembre 2019 di Beatrice Martelli
NARNI «Una gioia unica che ripaga tutti gli sforzi» secondo il capo priore di Mezule Cesare Antonini: dopo sei anni l’anello d’argento è tornato al terziere bianconero, che ha avuto la rivincita sul terziere Fraporta, vincitore dello scorso maggio. Continua Antonini: «Tra osterie ed eventi abbiamo lavorato tantissimo, ma divertendoci. È un progetto basato sui giovani che ha richiesto decisioni durissime e investimenti: la sconfitta non avrebbe cambiato nulla, ma la vittoria appaga, e  crea entusiasmo in vista di maggio. A livello personale è una soddisfazione pazzesca», conclude, senza dimenticare il gruppo «fantastico» con il quale sono stati affrontati cambiamenti e scelte. La soddisfazione, infatti, è grande anche in scuderia, dove Simone Galletti e Federico Minestrini, i responsabili, sottolineano il grande lavoro svolto per cercare di riuscire a dare il massimo e ringraziano i cavalieri (Concetti, Finestra e Santirosi) insieme a tutti coloro che frequentano la scuderia. Il proposito adesso è di sicuro quello di non mollare la presa, preparandosi per il 2020. Ultimo aggiornamento: 18:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma