Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Regione approva il piano per l'emergenza peste suina

La Regione approva il piano per l'emergenza peste suina
2 Minuti di Lettura
Sabato 16 Luglio 2022, 19:06

PERUGIA - La giunta regionale ha approvato il piano contro la peste suina africana. «La peste suina africana -
ha ricordato l'assessore Coletto - è una malattia virale che a livello internazionale è riconosciuta come la minaccia più rilevante per l'intero settore suinicolo ed è presente sin dal 1978 in Sardegna e dal 2022 nel nord e centro Italia. Le Regioni sono state chiamate ad adottare un piano regionale di interventi urgenti con l'obiettivo generale di
ridurre il rischio di introduzione dell'infezione e migliorare la gestione del cinghiale nel territorio di competenza ed eventualmente facilitare l'applicazione delle misure previste in caso di emergenza».
Il piano è articolato in cinque ambiti principali di attività: sorveglianza passiva nelle popolazioni di cinghiali, sorveglianza passiva negli allevamenti di suini, controllo numerico della popolazione di cinghiali, verifica dei

livelli di applicazione delle misure di biosicurezza e campagna di formazione ed informazione degli stakeholders.
Inoltre è stato attivato un numero unico regionale per agevolare e supportare le segnalazioni di ritrovamento delle carcasse di cinghiale alle aziende sanitarie competenti per territorio, è stato formalizzato un gruppo di lavoro regionale per la peste suina africana e istituito il tavolo interassessorile con rappresentanti del servizio foreste, montagna, sistemi naturalistici e faunistica venatoria, del servizio energia, ambiente e rifiuti, dell'Izsum (Cerep e Osservatorio
Epidemiologico) e delle aziende usl, con il mandato di dare seguito alle iniziative già prese a livello nazionale di coordinamento delle attività di gestione della fauna selvatica ed in particolare del
cinghiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA