Raphael Gualazzi a Piediluco per il “Tributo a Sergio Endrigo"

Raphael Gualazzi a Piediluco per il “Tributo a Sergio Endrigo"
di Aurora Provantini
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 23:24

TERNI - Torna per il nono anno consecutivo il “Tributo a Sergio Endrigo” e porta sulle sponde del lago di Piediluco Raphael Gualazzi. Il cantautore, compositore e arrangiatore che trionfa al Festival di Sanremo del 2011 con il brano "Follia d'amore" aggiudicandosi il primo posto della categoria Giovani, il premio della critica Mia Martini, il premio della sala stampa Radio e Tv, il premio Assomusica per la migliore esibizione live, si esibirà al centro remiero “Paolo D’Aloja” sabato 4 settembre, alle ore 21. Uno spettacolo fatto di voce e pianoforte in cui Gualazzi, marchigiano, classe 1981, ripercorrerà la sua carriera tra brani del suo repertorio e reinterpretazioni di chicche del blues soul internazionale, oltre all’omaggio a Sergio Endrigo. Aprirà il concerto del 4 settembre la voce femminile della giovanissima Stella Merano. Ad arricchire questa edizione ci saranno altri appuntamenti ad ingresso libero. La formula del mini festival come “anteprima” del grande evento è stata già sperimentata in passato dall’associazione “Terni città futura” che organizza la manifestazione. Al concerto di Gualazzi si affiancheranno più incontri con personaggi di primissimo piano del panorama nazionale della discografia italiana, oltre ad altri eventi musicali presso location particolari e suggestive. La prima serata denominata "Classic", in acustico e pensata per artisti solisti, si svolgerà nel cortile del seicentesco palazzo Morelli a Terni, dove si esibiranno il coro polifonico ‘Coroingrado’ diretto da Emanuela Della Torre, gli artisti della scuderia CasaMusica Just hit records Tony Bartolotta in arte Y-noT e Nicolò Angelosanti in arte Nartico, Barbara Perello in arte Cherry e Azzurra Firmi, e alcuni allievi della scuola Musikarte. La seconda serata denominata "Contemporary" è dedicata ai gruppi musicali e si svolgerà nel cortile del settecentesco palazzo Fabrizi, dove si esibiranno le Black Sheeps, Massimo Bartolucci, i Tarumbò e i Little Peter ad wolf. Il concerto di chiusura del Tributo a Sergio Endrigo è affidato a Gualazzi. «Quest’anno la nostra scelta è caduta sul lago di Piediluco - spiegano gli organizzatori - suggestivo specchio d’acqua del nostro territorio, sia per la sua indubbia bellezza che come inedita ambientazione per il nostro evento. Proprio per la presenza dell’acqua abbiamo immaginato una modalità di svolgimento differente dal solito, infatti è nostra idea che l’artista si esibisca su di una piattaforma galleggiante a breve distanza dalla riva con il pubblico che possa assistere allo spettacolo da lungo lago. Questa soluzione già sperimentata in altre occasioni di altri eventi simili risulta di grande suggestione e di forte impatto emotivo ed estetico. Nel momento in cui la natura diventa il fondale ideale per l’arte e la musica. Per facilitare l’afflusso e la sistemazione del pubblico è nostra idea utilizzare le strutture del centro remiero dove sono presenti le gradinate per assistere alle gare sportive. In questo luogo sarà sistemato il pubblico partecipante. Siamo certi – concludono – che la suggestiva scenografia notturna del lago e le note del maestro Endrigo sapranno regalare uno spettacolo di grande suggestione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA