Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni, roghi nella zona industriale. Il procuratore Liguori: «Non sembra ci siano connessioni ma la coincidenza è strana»

Terni, roghi nella zona industriale. Il procuratore Liguori: «Non sembra ci siano connessioni ma la coincidenza è strana»
di Nicoletta Gigli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Marzo 2022, 08:57

 “Allo stato delle indagini non si intravede un collegamento tra i due incendi, ma la coincidenza, sempre allo stato, è strana”. Il procuratore, Alberto Liguori, parla dei due paurosi roghi che, divampati a distanza di otto giorni l’uno dall’altro, hanno ridotto in cenere tonnellate di materiale.

Il 20 febbraio, a bruciare per ore alla Ferrocart di Maratta, erano state 300 le tonnellate di materiale e scarti di lavorazione: plastica, carta, materiale tessile e ingombranti. Lunedì, più o meno alla stessa ora, è iniziata la lotta contro le fiamme altissime che si alzavano dal piazzale dell’azienda di trasporti Medei. Un incendio che ha raggiunto una temperatura superiore ai mille gradi, reso più potente dalla presenza di una grande quantità di legno.

Se per l’incendio alla Ferrocart di Maratta, specializzata nel riciclo e recupero di rifiuti, Liguori sottolinea che “allo stato non è stata adombrata una pista diversa da quella dell’accidentalità” ancora non si sbilancia sulle cause del rogo divampato all’interno dell’area ex Polymer. Su cui, sotto il coordinamento del pm, Mazzullo, stanno indagando carabinieri forestali, già in campo per l’incendio alla Ferrocart, e gli uomini della scientifica. “In entrambi i casi - dice il procuratore - l’aspetto più importante è il rispetto della normativa sulla prevenzione dei danni alla salute derivanti da attività industriali e commerciali. Libertà di impresa ma, prima e soprattutto, il rispetto di normative e linee guida sull’allocazione di beni e risorse, umane e produttive, in sicurezza. E’ necessario - aggiunge Alberto Liguori - un focus particolare sia sullo stoccaggio dei prodotti semilavorati che sulla separazione di essi, sia sul funzionamento di sistemi antincendio, umani e tecnologici. Business sì - precisa il procuratore - ma in sicurezza sanitaria”. Anche stavolta, come era accaduto per il rogo di via Vanzetti, è stato necessario usare tutte le precauzioni per garantire la sicurezza sanitaria dei cittadini. A partire dalla chiusura per un giorno delle scuole, stavolta anche quelle di Narni e Stroncone, e dall’individuazione di un’area nella quale, in attesa delle analisi, sono scattati una serie di divieti. Area che per la Ferrocart era di tre chilometri e che ora si amplia a cinque. Ieri pomeriggio la riunione, coordinata dal Comune di Terni, di Arpa e dell’Usl Umbria 2 e in collegamento telefonico con i sindaci di Narni e Stroncone, per decidere le misure da adottare. Alla luce dei primi dati messi insieme da Arpa sulla qualità dell’aria dopo il rogo, è stato concordato di aggiornare l’ordinanza pubblicata nella tarda serata di lunedì.

Oggi tornano tutti a scuola ma, a titolo precauzionale, vengono mantenuti tutti i divieti indicati nella precedente ordinanza nell’area del raggio di cinque chilometri dal luogo dell’incendio: divieto di raccolta e consumo di prodotti alimentari coltivati e di funghi epigei spontanei; divieto di pascolo e razzolamento degli animali da cortile e di utilizzo di foraggi e cereali destinati agli animali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA