Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“PretenDiamo Legalità”: Scelti i vincitori del concorso rivolto agli studenti

“PretenDiamo Legalità”: Scelti i vincitori del concorso rivolto agli studenti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Aprile 2022, 20:36

TERNI - Nella sede della questura si è riunita la commissione che ha decretato i lavori vincitori, per la provincia di Terni, della quinta edizione del concorso “PretenDiamo Legalità” destinato agli studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Il progetto, realizzato in collaborazione con il mnistero dell’Istruzione, ha l’obiettivo di educare alla legalità attraverso la diffusione della cultura dei valori civili, quali il rispetto delle regole, la solidarietà e l’inclusione, che rappresentano fondamentali punti di riferimento per la crescita dei cittadini di domani e per la costruzione di una società giusta ed equa.

La commissione, nominata e presieduta dal questore Bruno Failla e composta dal vice questore vicario Luca Sarcoli, dal dirigente della divisione anticrimine Marco Fischetto, dal dirigente della direzione didattica “Don Milani” Luigi Sinibaldi, rappresentante dell’ufficio scolastico regionale per l’Umbria, dalla neuropsichiatra infantile Valentina Rapaccini, dal sovrintendente capo Maria Rita Fiore e dall’agente scelto Roberta Gelsomini dell’ufficio minori e dall’assistente capo Vanessa Dello Stritto in servizio presso l’ufficio di gabinetto, hanno individuato un lavoro per ogni categoria, rispettivamente per le scuole primarie e per le scuole secondarie, tenendo conto sia della pertinenza ai temi proposti, che della creatività ed originalità di espressione.

I lavori selezionati sono stati inviati al ministero dell’Interno per la selezione finale e la proclamazione dei vincitori a livello nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA