Popoli e Religioni
Il festival si apre
al Pontificio istituto

Popoli e Religioni Il festival si apre al Pontificio istituto
2 Minuti di Lettura
Domenica 23 Maggio 2021, 16:04

Sarà il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II ad ospitare domani l’inaugurazione di «Popoli e Religioni», il festival del cinema fondato da monsignor Vincenzo Paglia nel 2005 e organizzato dall’Istituto di Studi Teologici e Storico Sociali di Terni con la collaborazione dell’associazione San Martino, il patrocinio del Pontificio Consiglio per la cultura e della Pontificia Accademia per la vita, e la partecipazione dall’Istituto Jp2. 
Due donne saranno protagoniste del pomeriggio romano: Liliana Cavani e Cristiana Capotondi, che si confronteranno con le figure di Francesco d’Assisi e Chiara Lubich. L’incontro vedrà anche la partecipazione dell’arcivescovo Vincenzo Paglia (vescovo emerito di Terni), e dello storico francescanista Marco Bartoli, e la proiezione di due corti: “Francesco al cinemà”, dedicato all’immagine che questa arte ha dato del santo di Assisi, e “Sulla poltrona del Papà”, debutto alla regia di Cristiana Capotondi, dedicato al tema delle adozioni e ispirato alla vera storia di un bambino che durante un’udienza si sedette al posto di Papa Francesco. 
Il festival Popoli e Religioni proseguirà a Terni fino al 29 maggio con la proiezione dei film in concorso e ospiti come Alessandro D’Alatri, Federico Ielapi, Fabio Ferrari, Maria Grazia Cucinotta, Angelo Longoni, Francesco Salvi, Catherine McGilvray, David Riondino, Giulio Base, Eugenio Bennato, Luca Parmitano, Adelmo Togliani, Giorgia Surina e David Zed, e si concluderà il 30 maggio a Vacone in Sabina. Alcuni focus saranno dedicati all’intelligenza artificiale e alla sua applicazione nella medicina, con la presentazione del robot in grado di diagnosticare il Covid dalla voce, alla crisi in Medio Oriente e alla guerra in Armenia, e alla figura di Franco Battiato, che ricevette l’Angelo alla carriera nel 2007.
Intanto, oggi il festival cinematografico torna in presenza al santuario francescano di Santa Maria delle Grazie a Terni per una giornata unica nel suo genere. Sul sagrato della chiesa, recentemente restaurata, alle 17 don Riccardo Mensuali presenta il suo libro “Leggero come l’amore”, opera che rovescia tutti gli stereotipi laici e cattolici sull’amore di coppia, dimostrando che la fedeltà è tutt’altro che contro natura. Alle 19.45 va in scena invece lo spettacolo “Da Piediluco a Marrakesh sulle orme del Giullare di Assisi”, primo spettacolo umoristico su Francesco d’Assisi, tratto dai ricordi dei suoi compagni più intimi e interpretato da Francesco Salvi, Riccardo Leonelli e Marialuna Cipolla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA