A teatro sulle sponde del lago di Piediluco
Rino Gaetano raccontato da Stefano de Majo

A teatro sulle sponde del lago di Piediluco Rino Gaetano raccontato da Stefano de Majo
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Agosto 2020, 12:50

Cala il sipario sulla stagione teatrale che ha visto Stefano de Majo protagonista di cinque diversi spettacoli, da inizio luglio a fine agosto, al Baraonda,  sul lago di Piediluco. Una rassegna che ha visto sempre il tutto esaurito, a coronamento di tre anni di stagioni teatrali nate sul battello e ora per la grande richiesta, oltre al distanziamento Covid,  "sbarcate" nel teatro sul lago. Mercoledì 26 agosto l’ultimo appuntamento ( ore 21) su Rino Gaetano racconterà, nel consueto stile metateatrale e affabulatorio di Stefano de Majo, non solo la vita e l'opera del cantautore, che ha avuto contatti anche nel  territorio dell’Umbria del sud, avendo frequentato le scuole medie a Narni, presso il collegio del locale seminario dei frati, ove emerse la sua vena poetica avendo scritto nel periodo narnese il suo poema " E l'uomo volo" un viaggio immaginifico in cui si palesano già tutti i temi che poi Rino Gaetano svilupperà, ma la piéce di de Majo rivelerà anche i tanti misteri che avvolgono la vita e soprattutto la morte del cantautore crotonese, nonché i tanti riferimenti a scandali, stragi, complotti e servizi segreti che sono celati dietro l'apparente nonsense delle sue canzoni. Il tutto come sempre accompagnato dalla musica dal vivo.  Scritto e interpretato da Stefano de Majo. al violino Gustavo Gasperini, pianoforte tromba e voce Fabrizio Longaroni e percussioni Tiziano Tetro 
Sono stati inseriti nel testo teatrale oltre dieci richiami alle più belle canzoni di Rino Gaetano.  Un Rino Gaetano che da giullaresco artista nonsense superficiale e disimpegnato si rivelerà dunque il più profondo e impegnato dei cantautori italiani, capace ancora oggi, a quarant'anni dalla morte, di parlarci, facendoci sorridere e distrarre con il suo stile scanzonato ma al contempo di farci riflettere, come in fondo deve fare sempre il teatro. Vita Nonsense e Misteri di un Poeta Indomito

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA