Insulti a una donna, botte a un passante
e rissa sul treno: il sabato dei ragazzi terribili

Polizia, carabinieri e municipale cercano di calmare i ragazzini terribili a Sant'Anna
di Egle Priolo
2 Minuti di Lettura
Sabato 16 Novembre 2013, 21:32 - Ultimo aggiornamento: 17 Novembre, 10:01

PERUGIA - Una stazione nel panico. Botte e insulti a una passante. La rissa si sposta nel treno, bloccato per un’ora dalla follia di ragazzini terribili. Cronaca di un sabato sera di paura a Sant’Anna: il bar chiude e la capostazione chiama il marito terrorizzata.

È ora di cena. La stazione è quasi vuota, in partenza solo gli ultimi treni. C’è una donna sui binari e il gruppo di ragazzini non perde l’occasione. È sola, facile preda degli insulti, chissà perché. «Lasciatela stare, che sono queste parole?». Arriva un uomo a difenderla, ma il branco non perde tempo. C’è chi assesta il primo calcio al bacino, mentre le ragazzine galvanizzano i loro amici: «Vai così». È il putiferio, mentre qualcuno chiede aiuto. Arrivano immediatamente polizia, municipale e carabinieri. Cercano di calmare tutti, ma la rissa, chissà perché, prosegue sul treno dove sono saliti i ragazzi. Che iniziano a picchiarsi selvaggiamente all’interno degli scompartimenti sul binario 3. «Mai vista una cosa così - digrigna Catia Rinchi, titolare del bar chiuso un’ora prima per il caos scoppiato a Sant’Anna -. Hanno trovato quella ragazza, ma poteva capitare a me. O alla capostazione, terrorizzata da questi selvaggi, saliti sul treno senza biglietto. Ha chiamato il marito dalla paura». Alla fine la scena è da brividi: divise sul binario a riportare la normalità e ragazzi in treno che urlano. Chissà perché.

© RIPRODUZIONE RISERVATA