CORONAVIRUS

Perugia, su didattica e tecnologia
l'Itet Capitini lancia un progetto 4.0

Mercoledì 15 Luglio 2020 di Riccardo Gasperini

PERUGIA - Prima il grande impegno nella gestione della didattica durante l’emergenza coronavirus. Ora quello per «continuare ad offrire il massimo della qualità dell’insegnamento» anche per l’anno scolastico che verrà. Sempre sul filo della didattica affiancata alla tecnologia.

Tra adempimenti e confinamenti, tra distanziamento sociale e spazi da immaginare, tra aule da riarredare e Dad, non si ferma l’Itet Capitini che ha messo a punto il progetto Capitini 4.0. Di che si tratta? Una campagna per fornire a tutti gli alunni, e le famiglie che ne vorranno usufruire, computer di ultima generazione, per organizzare, fin d’ora, la possibilità di svolgere lezioni a distanza. Perché la tecnologia è stata la chiave per affrontare l’emergenza dei mesi scorsi e sarà altrettanto importante anche nell’anno scolastico 2020-2021. La scuola del dirigente Silvio Improta «propone ai propri studenti la possibilità di avere un computer a loro disposizione per tutto l’anno scolastico 2020-21, completo dei programmi necessari al relativo corso di studio (Informatico-SIA, Costruzione e ambiente–CAT, Relazioni internazionali –Rim, Turismo, Economico finanziario-Afm, Economico sportivo)». Già numerose le domande di attivazione del “contratto” che «conducono ad una buona ventata di ottimismo per procedere al meglio» e continuare ad offrire il massimo della qualità dell’insegnamento.

La scuola, grazie a un accordo con il produttore e all’investimento deciso in autonomia, potrà fornire ai ragazzi 2 diverse tipologie di computer. In entrambi i casi i pc avranno la garanzia di tre anni e saranno corredati di una borsa personalizzata per il trasporto in sicurezza. Per le famiglie in difficoltà economiche, c’è la possibilità di presentare una certificazione Isee e chiedere la riduzione al 50% o l’azzeramento del canone di noleggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA