Perugia, picchia e rapina con il coltello tre persone per strada: preso

Perugia, picchia e rapina con il coltello tre persone per strada: preso
di Egle Priolo
2 Minuti di Lettura
Domenica 27 Novembre 2022, 09:00

«Un uomo fuori dalla stazione ferroviaria di Ponte San Giovanni, mi ha colpito senza motivo con calci e pugni e poi è scappato». «Carabinieri? Correte, un uomo sta picchiando un ragazzo che è a terra». Due telefonate in rapidissima successione alla centrale operativa dei carabinieri raccontano di una situazione molto pericolosa. È il pomeriggio di venerdì, e alcune pattuglie dei militari dell'Arma insieme a una squadra Api (Aliquota pronto intervento) sono velocemente sul posto. La gente è spaventata, non solo per quello che ha visto ma anche perché si parla di un coltello. Le descrizioni dell'aggressore raccontano di un uomo alto, con due valigie, e che soprattutto si accanisce con violenza sulle persone che incontra. La caccia all'uomo va avanti per due ore, finché sempre a Ponte San Giovanni i carabinieri riescono a individuarlo e stanarlo da dentro casa. Secondo quanto ricostruiscono i militari, si tratta di un ragazzo di ventidue anni, di origini straniere ma nato e vissuto in Italia e già conosciuto agli archivi delle forze dell'ordine per episodi simili. Insomma, una specie di professionista delle aggressioni a sconosciuti. I militari ricostruiscono tutta la vicenda. Il ragazzo, a bordo del treno che lo stava riportando a Ponte San Giovanni, ha prima aggredito un passeggero che viaggiava nel suo stesso vagone, senza un particolare motivo, che ha poi sporto querela alla stazione carabinieri di Perugia, e, una volta sceso, in prossimità stazione ha aggredito un anziano passante con calci e pugni, strappandogli lo zainetto che aveva nelle mani e gettandolo a terra. Infine, a poca distanza, ha affrontato un ragazzo, poco più giovane di lui. Mostrandogli un coltello ha tentato di farsi consegnare il cellulare, ma la vittima ha reagito e così lui lo ha colpito con un pugno, provocandogli la frattura delle ossa del naso, più altre lesioni, con una prognosi di 25 giorni. Il giovane aggressore, dopo aver indicato ai carabinieri dove si trovava il coltello, non ha neanche opposto resistenza ai militari che sono andati a prelevarlo a casa. È stato così arrestato per tentata rapina aggravata e porto abusivo di armi. Su disposizione del sostituto procuratore di turno, è stato portato nel carcere di Capanne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA