Perugia, va a prendere il caffé
armato di un coltello da 40 centimetri

Mercoledì 7 Gennaio 2015
Perugia, va a prendere il caffé armato di un coltello da 40 centimetri

PERUGIA - Ubriaco, infastidisce i clienti di un bar. E quando arriva la polizia aggredisce pure gli agenti, che gli trovano un coltellaccio da 40 centimetri e lo arrestano.

La squadra volante è infatti intervenuta mercoledì mattina in un bar del centro di Perugia, dove era stata segnalata la presenza di un maghrebino che stava creando problemi. Sul posto, gli agenti hanno trovato un marocchino di 25 anni che, come raccontato dalla barista, da diverso tempo stazionava, ubriaco, all’interno del locale, infastidendo pesantemente sia lei che gli avventori, ed inducendola a chiamare il 113. I poliziotti hanno tentato di far uscire lo straniero dal bar, per controllarlo con calma all’esterno del locale, ma il giovane ha da subito assunto un atteggiamento molto ostile nei loro confronti, prima aggredendoli verbalmente e poi spintonandoli ripetutamente.

Soltanto intervenendo in tre, gli agenti sono riusciti, a fatica, ad immobilizzarlo. Una volta perquisito, gli è stato trovato addosso un grosso coltello lungo 40 centimetri, di cui 26 solo di lama. L’oggetto è stato sequestrato e il magrebino accompagnato in questura, dove è emerso che fosse già gravato da numerosi precedenti per spaccio, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi.

Inoltre, nei suoi confronti era stato emesso alcuni mesi fa un ordine di allontanamento dal territorio nazionale, che però non aveva eseguito. Così, considerata la pericolosità sociale del marocchino, la polizia lo ha arrestato in flagranza per resistenza a pubblico ufficiale e lo ha denunciato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere e per inottemperanza all’ordine di lasciare l’Italia.

Ultimo aggiornamento: 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA