Perugia, anziano e badante legati e rapinati in casa per 50 euro

Sulla rapina in casa indaga la polizia
di Luca Benedetti
2 Minuti di Lettura
Domenica 20 Giugno 2021, 11:30

PERUGIA - In tre, all’alba, rapinano un anziano e il badante in un appartamento di via della Pescara. Li legano, usano lo spray urticante e se ne vanno, presi dalla paura, con un bottino magrissimo: un orologio dal valore di 50 euro.
Una rapina in grande stile per un bottino al limite del ridicolo. E non si capisce perché i tre banditi, che sono entrati in azione all’alba di sabato, abbiano scelto per colpire un condominio e un appartamento in cui vivono un anziano con il badante. Un colpo ad alto coefficiente di difficoltà se non altro perché il rischio che in un codominio possano essere occhi indiscreti in grado di vedere e capire è molto elevato. Proprio questo aspetto diventa un particolare interessante per chi indaga.
Le vittime della rapina stanno bene a dare l’allarme alla polizia è stato l’assistente dell’anziano che si è riuscito a slegare quasi subito. I tre che sono entrati in azione avevano due il volto coperto da una mascherine e uno coperto, forse con un passamontagne.
Sull’inquietante episodio lavorano gli uomini della squadra mobile diretta da Gianluca Boiano. Al setaccio le telecamere di sicurezza della zona. Potrebbero aver immortalato il passaggio di chi ha deciso di dare l’assalto in grande stile a un normale appartamento di un condominio a ridosso del centro.
I banditi hanno forzato la porta, ma prima di entrare hanno addirittura staccato l’energia elettrica. È strano che di fronte a un assalto di questo tipo i banditi si siano dati alla fuga appena arraffato l’orologio, cinquanta euro di valore. O qualche cosa durante l’azione è andato storto, oppure la scelta di colpire lì e in quel modo è stata una inutile priva di forza.
Anche se nella zona il tam-tam che ha portato alla luce l’assalto in casa dell’anziano, ha acceso la paura di diversi residenti. Soprattutto dei più anziani. Che si trovano ancora una volta a gestire situazioni di tensione appena arriva l’estate. Stagione in cui l’allarme legato ai furti nelle case suona spesso. Ma una rapina in un condominio resta un’azione molto particolare. Soprattutto se il bottino è vicino allo zero.
L’assalto di via della Pescara fa il paio con quello avvenuto l’altro girono alle porte di Foligno ai danni di una coppia di anziani che vive in una villetta. In quel caso, contrariamente a quanto avvenuto ieri all’alba in via della Pescara, i banditi hanno anche alzato le mani nei confronti delle vittime che sono dovute ricorrer ale cure dei medici del San Giovanni Battista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA