Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Per il Soroptimist day un viaggio tra le protagoniste del melodramma italiano

Per il Soroptimist day un viaggio tra le protagoniste del melodramma italiano
di Aurora Provantini
2 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Dicembre 2021, 12:53 - Ultimo aggiornamento: 17:48

TERNI – In piedi per i diritti umani.  Un richiamo alla necessità di mettere al centro dell’opera di ripresa dalla crisi sociale ed economica aggravata dalla pandemia, la salvaguardia dei diritti della persona e la parità di genere. A 73 anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il Soroptimist International Clud di Terni, organizza un recital lirico dal titolo “Il sentimento delle donne: viaggio nel melodramma italiano”.  In concomitanza con il Soroptimist day, venerdì 10 dicembre 2021, terminano anche i 16 giorni di attivismo iniziato il 25 novembre con la campagna “Orange the world” che ha illuminato di arancione i monumenti della città e dei comuni del territorio in segno di lotta alla violenza sulle donne. Continueranno a brillare (di arancione) durante tutta la durata della Giornata Internazionale dei Diritti Umani. Si tratta di Palazzo Bazzani, Porta Sant’Angelo, la chiesa di San Tommaso ora sede del Paleolab, il Ponte di Augusto,  la Torre del Castello di Arrone, i Comuni di Montefranco, Ferentillo e  Polino.  «Il modo migliore per festeggiare questo anniversario -  evidenzia la presidente del club di Terni, Stefania Capponi -  è quello di riflette sui temi dei diritti umani e della parità di genere. Anche per questa ragione è stato deciso di proporre un recital lirico dedicato alle figure femminili protagoniste del melodramma italiano.  Ad esibirsi sarà il mezzosoprano Giada Frasconi, che dal 2016 fa parte dell’Accademia del saggio musicale fiorentino, accompagnata al piano da Emanuele Stracchi, compositore e direttore di fama internazionale. Anche in questa occasione viene messa in luce la grande rilevanza dell’Istituto superiore di studi musicali Briccialdi, presso cui si sono diplomati i due giovani artisti. Una delle eccellenze di questa città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA