La storia di Polifemo, il cagnolino che ama il jazz
Anche lui ha il pass speciale: "vip" di Uj

Giovedì 11 Luglio 2013
Polifemo, il cagnolino di Uj, con il suo pass al collo
PERUGIA Un pass per il cagnolino mascotte di Uj.

Il “pass” plastificato e appeso ad un nastro giallo e nero con il logo di “UJ” è identico a quello dei “vip” o degli “special guests”, che affollano il quarantennale di Umbria Jazz. Solo un po' più piccolo, per adeguarsi alla taglia ridotta del collo e dell’altezza del suo titolare. Il titolare del pass si chiama Polifemo, un piccolo cane bianco e nero con lontane ascendenze di Fox Terrier, diventato nel corso degli anni una delle star più fotografate e filmate da appassionati, curiosi e turisti. Lui se ne va in giro, libero, tranquillo e disciplinatissimo, per i Giardini Carducci o nel back stage dei concerti. «È la riconosciuta mascotte di Umbria Jazz - spiega il direttore artistico Carlo Pagnotta», che si preoccupa ad ogni inizio di festival di sapere se Polifemo abbia ricevuto il suo pass. Una specie di scaramanzia.

In effetti Polifemo è diventato quasi un testimonial per l’Umbria “pet friendly”, amica degli animali di affezione e per la filosofia "green" anche di Umbria Jazz: impianti ad impatto zero e carbon free, e un cagnolino ci sta benissimo. Ultimo aggiornamento: 13:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma