Ospedali di Foligno e Spoleto si ragiona sull'integrazione

Ospedali di Foligno e Spoleto si ragiona sull'integrazione
di Giovanni Camirri
3 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Agosto 2020, 13:00

FOLIGNOI - Sinergia tra gli ospedali “San Giovanni Battista” di Foligno e “San Matteo degli Infermi” di Spoleto. Ne hanno parlato, rispettivamente, Il commissario straordinario dell’Azienda Usl Umbria 2 dr. Massimo De Fino e il sindaco di Foligno Stefano Zuccarini. L’occasione è emersa con l’annuncio della nomina del nuovo direttore sanitario dell’ospedale di Foligno e cioè la dottoressa Rita Valecchi. Numerosi gli incarichi direzionali ricoperti dalla professionista nelle aziende sanitarie dell’Umbria. L’ultimo, in ordine di tempo, è quello di direttore sanitario dell’ospedale di Pantalla - Media Valle del Tevere che ha avuto un ruolo importante nella gestione dei pazienti Covid positivi. La dottoressa Valecchi è stata accolta al “San Giovanni Battista” dal saluto del commissario straordinario De Fino, del direttore amministrativo dottoressa Davina Boco e dei responsabili delle strutture complesse del nosocomio e dei dipartimenti aziendali. Il manager sanitario ha spiegato che “si tratta di passaggio fondamentale per il ‘San Giovanni Battista’ che risulta strategico e centrale nell’ambito della rete ospedaliera umbra. Per questo motivo - ha spiegato il dottor De Fino - la direzione strategica dell’Azienda Usl Umbria 2 intende consolidare e valorizzare le sue potenzialità ed eccellenze come polo di riferimento per acuti. Risulterà decisiva anche la sinergia con l’ospedale ‘San Matteo degli Infermi’ di Spoleto dove saranno sviluppate specificità di intervento ed alta specializzazione, dalla chirurgia robotica alla medicina geriatrica”. De Fino ha anche espresso apprezzamento per la risposta che l'ospedale, grazie alla dedizione e allo spirito di sacrificio dei suoi professionisti, ha garantito durante la fase critica dell’evento pandemico non solo nella specificità dell'intervento di assistenza ai pazienti affetti dal virus ma anche per aver mantenuto ad ottimi livelli l'attività ordinaria di ricovero. “Il Covid-19 - ha detto De Fino - rappresenta ancora oggi un pericolo per la popolazione, per questo l’azienda sanitaria manterrà alta l'attenzione e continuerà a farsi trovare pronta nella scongiurata ipotesi di una seconda ondata dei contagi. Nel frattempo stiamo lavorando per potenziare strutture e servizi e rafforzare la dotazione organica con l'ampliamento del pronto soccorso, della terapia intensiva e delle aree di sub-intensiva, come Medicina e Pneumologia. Stiamo inoltre acquisendo nuove apparecchiature e moderne tecnologie, potenziando la telemedicina, ottimizzando i percorsi di cura e implementando la pianta organica”. La dottoressa Valecchi ha espresso grande soddisfazione nel ritornare in un ospedale dove aveva lavorato nella prima parte della sua carriera. “Esprimo grande soddisfazione per la nomina della dottoressa Rita Valecchi. Ringrazio per l’attenzione la presidente della Regione , Donatella Tesei, e il commissario straordinario Massimo De Fino”. Lo ha detto il sindaco Stefano Zuccarini. “Questa nomina dimostra ancora una volta la strategica importanza di Foligno come terzo polo ospedaliero umbro - ha proseguito il sindaco - ben venga anche l’intenzione di consolidare e rilanciare i rapporti con il presidio ospedaliero di Spoleto. Presto saremo lieti di invitare la dottoressa Valecchi a Palazzo Comunale per fare il punto della situazione e mettere in atto tutte le misure necessarie per le quali l’amministrazione comunale continuerà a dare la massima disponibilità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA