Orvieto rende omaggio a Dante Alighieri nel VII centenario della morte

Domenica 3 Gennaio 2021 di Monica Riccio
Orvieto rende omaggio a Dante Alighieri nel VII centenario della morte

La città di Orvieto rende omaggio a Dante Alighieri nell’apertura dell’Anno Dantesco 2021 per i 700 anni della morte del Sommo Poeta. Fino al 6 gennaio, infatti, sulle decorazioni luminose del palazzo dell’Opera del Duomo, accese in occasione delle festività natalizie, campeggia l’immagine di Dante Alighieri ripresa dall’affresco di Luca Signorelli che si trova nella Cappella di San Brizio in Duomo. 

Sono diverse e significative le tracce di Dante nella città di Orvieto. Il ciclo della Cappella di San Brizio rappresenta sicuramente un interessante caso dell’intersezione tra l’autore della Divina Commedia e l’arte. Nello zoccolo della cappella, il Signorelli non ha raffigurato solo il ritratto di Dante ma anche scene tratte dai primi undici canti del Purgatorio dipinte in altrettanti monocromi. 

Il tema del Purgatorio di Dante ritorna poi spesso a Orvieto. Il significato spirituale del purgatorio dantesco trova l’accezione più elevata nel pozzo di San Patrizio al quale è legata la leggenda del santo irlandese e dell’accesso al purgatorio tanto che per un breve periodo l’opera di ingegneria di Antonio da Sangallo il Giovane venne chiamata “purgatorio di San Patrizio”. 

Le nobili famiglie orvietane dei Monaldeschi e dei Filippeschi e la loro rivalità per la supremazia cittadina vengono poi citate nel VI Canto del Purgatorio. “Vieni a veder Montecchi e Cappelletti, Monaldi e Filippeschi, uom sanza cura, color già tristi, e questi con sospetti!”, questa la terzina riportata anche su una targa che si trova sul lato della Torre del Moro che si affaccia su via della Costituente (foto sotto).      

Tra le curiosità che legano Orvieto a Dante Alighieri e alla sua opera più conosciuta c’è anche il fatto che il Duomo di Orvieto fu uno dei primi luoghi dove avvenne la lectura Dantis. I luoghi deputati allo svolgimento della lectura Dantis furono le aule scolastiche, le chiese e in seguito gli ambienti accademici. 
La Commedia penetrò in Umbria secondo le direttrici Firenze-Cortona-Perugia e Romagna-Gubbio-Città di Castello-Orvieto. Andrè Chastel, storico dell’arte francese studioso del Rinascimento italiano, citando il testo di Luigi Fumi dice di aver appreso da quest’ultimo che a Orvieto si leggeva Dante in Duomo già nel Trecento. A Perugia la Commedia fu letta da Bertoldi da Serravalle nel 1400-1401.

Nell’ufficio del sindaco, nella sede del comune in via Garibaldi, sono infine custoditi un inedito ritratto di Dante con la barba e un singolare quadro ricamato, realizzato da Luisa Geremei, che raffigura una scena dantesca tratta dagli affreschi del Signorelli nella Cappella di San Brizio.  

Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA