Orvieto, il "Giglio d'Oro" torna a casa dopo 55 anni: sarà utilizzato per la messa del Corpus Domini

Venerdì 21 Giugno 2019 di Vincenzo Carducci
Il
ORVIETO - E' tornato a "casa" dopo 55 anni. Rimarrà in esposizione fino a domani sabato 22 giugno al Museo dell'Opera del Duomo di Orvieto, il "Giglio d'oro", il calice realizzato dagli artigiani orvietani Marcello Conticelli e  Luciano Coppola su disegno dell’architetto Alberto Stramaccioni. Il prezioso manufatto venne regalato a Papa Paolo VI in occasione della sua visita sulla Rupe del 11 agosto 1964. Nel dicembre dello stesso anno il Pontefice, in visita ufficiale in India, lo donò alla diocesi di Bombay, oggi Mumbay, con queste parole: «Alla Chiesa più povera del mondo il dono più prezioso ricevuto durante il mio Pontificato».

L'opera è composta dal calice in oro a forma di giglio, in onore del Duomo di Orvieto che per la sua facciata piena di mosaici dorati è definita anche come il "Giglio d'Oro delle Cattedrali". La facciata del Duomo è infatti incisa nella patena d'oro come una sorta di microscultura. Li raccoglie un cofanetto in acciaio ageminato con gli stemmi di Bolsena, la città del Miracolo eucaristico del Corpus Domini, di Orvieto e dei simboli del Papa. «Il Giglio d'oro - spiega la direttrice del Museo dell'Opera del Duomo, Alessandra Cannistrà - è un manufatto prezioso ma anche il simbolo dello strettissimo legame tra la città e la sua cattedrale. Porta con sè una grande tradizione artistica ed è stato realizzato per un'occasione speciale, la visita del Papa a Orvieto per un evento altrettanto speciale ovvero il settimo centenario della Bolla Transiturus e quindi la celebrazione della vocazione di Orvieto come città del Corpus Domini e città eucaristica». 

Domenica 23 giugno sarà utilizzato per la messa del Corpus Domini che sarà celebrata dal cardinale indiano Oswald Gracias, componente del C6 del Papa, e sarà poi riportato a Mumbai dove dal 1964 viene custodito. In questi giorni una delegazione dell’Archdiocesan Heritage Museum di Mumbai, il secondo museo del paese sull’arte religiosa cristiana che custodisce manufatti risalenti al XVI secolo, composta dal direttore padre Warner Dosuza, dalla vice direttrice Joynel Fernandes e da una collaboratrice hanno incontrato il sindaco Roberta Tardani e sono stati ospiti della città che hanno potuto visitare accompagnati dal presidente del Capitolo della Cattedrale, don Stefano Puri, da due dei tre figli di Marcello Conticelli, don Luca e Marco Conticelli, sindaco di Porano, da Alda Coppola, presidente di Fidapa BPW Italy sezione di Orvieto, l’associazione che ha curato l’iniziativa e i collegamenti con Mumbai con il sostegno dell’azienda Vetrya. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma