Orvieto, atti osceni in luogo pubblico. Due ragazze allertano la Stradale, denunciato un quarantenne

Orvieto, atti osceni in luogo pubblico. Due ragazze allertano la Stradale, denunciato un quarantenne
di Monica Riccio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Marzo 2021, 14:58

L'accusa è di atti osceni in pubblico. Lui è un quarantenne residente nell'Orvietano che nel tardo pomeriggio di sabato 13 marzo si è reso protagonista di un episodio che ha portato due ragazze, anche loro orvietane, a allertare la Polizia Stradale. A identificarlo e denunciarlo all'Autorità Giudiziaria è stata infatti una pattuglia della Stradale impegnata in un servizio interforze volto al controllo del rispetto delle norme anti-Covid in città.

E proprio mentre gli agenti della Stradale erano impegnati nei controlli, si è avvicinata loro una ragazza in lacrime, che ha riferito loro che, poco prima, in un posto in città, poco distante, mentre era in compagnia di una sua amica, aveva assistito agli atteggiamenti posti in essere da uno sconosciuto.

La giovane ha raccontato agli agenti che mentre si trovava nella propria autovettura insieme ad una sua amica, con la quale stava tranquillamente parlando, un uomo, che indossava occhiali scuri, ha parcheggiato la propria auto accanto alla loro e a iniziato a fissarle insistentemente. Dopo qualche minuto - secondo quanto riferito dalla giovane - l'uomo ha reclinato il sedile ed ha iniziato a toccarsi nelle parti intime. 

Entrambe le giovani, impaurite, hanno così lasciato quel luogo immediatamente a bordo ognuna della propria autovettura. Una di loro, lungo il tragitto poi intrapreso, ha casualmente incontrato un equipaggio della Polizia Stradale a cui, ancora visibilmente turbata, ha raccontato l’accaduto.

Gli agenti, a quel punto, sulla base di quanto raccontato dalla ragazza, proprio nel luogo da lei descritto, hanno rintracciato il quarantenne ancora a bordo della sua auto, parcheggiato esattamente nello stesso posto indicato dalla giovane. Accompagnato presso gli uffici della Polizia Stradale l’uomo, al termine degli accertamenti, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA