CORONAVIRUS

Montecastrilli, ultimo giorno di scuola "in presenza". La preside: «Comunità di vicinanza civile»

Domenica 7 Giugno 2020 di Francesca Tomassini
Montecastrilli, un momento dell'incontro fra studenti e professori per chiudere l'anno scolastico
Montecastrilli- Finalmente faccia a faccia, con i sorrisi, le lacrime, le speranze, le emozioni e senza interfacce tecnologiche. Insomma un ultimo giorno di scuola come avrebbe dovuto essere. O quasi. In ogni caso un vero e proprio regalo di questi tempi per gli studenti che dalla sera alla mattina si sono ritrovati barricati in casa, catapultati in un mondo in cui non c'è più posto per i viaggi in autobus, i capannelli fuori da scuola, le frasi bisbigliate fra un banco e l'altro. A pensarlo e metterlo in pratica la preside dell'istituto comprensivo di Montecastrilli professoressa Stefania Cornacchia e il sindaco Fabio Angelucci. "Ho accolto subito la proposta di riunire ragazzi e professori -spiega Angelucci- anche se abbiamo potuto attuarlo solo per i ragazzi che concludono un ciclo. Ovvero quelli di quinta per la primaria e quelli di terza per la secondaria di primo grado. Prevederlo per tutte le classi di ogni ordine e grado sarebbe stato ingestibile". Stamattina ad inaugurare la serie degli ultimi giorni di scuola i ragazzi delle classi terze della secondaria di primo grado di Montecastrilli che si sono ritrovati davanti al Comune insieme ai professori, al Sindaco, ai volontari della della Protezione Civile e della Croce Rossa. "Abbiamo scelto un luogo all'aperto - ha precisato il Sindaco- per poter rispettare le distanze. Abbiamo fornito mascherine a tutti e gel igienizzante. La presenza della Croce Rossa e della Protezione Civile ci hanno dato modo di fare anche un momento di formazione in cui abbiamo spiegato ai ragazzi le regole di comportamento per affrontare con responsabilità e sicurezza il nuovo percorso di vita che si aggiungono ad intraprendere. E poi non si sa mai, i ragazzi potrebbero essere i volontari di domani". Lunedì e martedì si replica. A Montecastrilli per i ragazzi delle quinte della primaria e nelle frazioni di Casteltodino e Castel Dell'Aquila sempre per quelli di quinta e terza. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani