Narni, studenti liceo Gandhi realizzano un lenzuolo artistico da esporre alle Olimpiadi di Tokio

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Marcello Guerrieri

Un lenzuolo artistico da esporre alle Olimpiadi di Tokyo. E’ quello a cui stanno lavorando gli studenti della 4^ B del Liceo scientifico Gandhi insieme ai pari età di una scuola di Otsu-city della prefettura di Shiga, in Giappone. Il lenzuolo, di 1 metro e mezzo per 3 e mezzo, verrà realizzato per metà dagli studenti del Gandhi e per l’altra metà da quelli giapponesi e farà bella mostra nelle strutture sportive di Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto.

Il progetto, realizzato in collaborazione con il Comune di Narni, comprende circa 200 murales, uno per ogni nazione partecipante, nell’ambito di una partnership europea e internazionale in cui il Gandhi rappresenta l’Italia. Il lavoro si è svolto tramite internet. Gli studenti hanno iniziato a conoscersi a marzo 2019 tramite una piattaforma telematica con cui potevano scambiare messaggi e informazioni.

Dopo una presentazione della scuola e della località in cui ciascuna delle due scuole opera, gli studenti hanno iniziato a progettare e decidere insieme cosa rappresentare, partendo dalle 17 linee guida del progetto mondiale sullo sviluppo sostenibile, obiettivi di sviluppo SDGs della Agenda 2030.

Dopo aver deciso cosa disegnare i ragazzi Giapponesi hanno dipinto la loro metà del lenzuolo e lo hanno spedito per Natale 2019.  A Gennaio 2020 il pacco è arrivato a Narni e i ragazzi del liceo hanno iniziato a dipingere la loro metà, condividendo le varie fasi con gli amici giapponesi. Per tutto il periodo ragazzi e ragazze hanno approfondito usi e costumi della nazione partner. È stata utilizzata la lingua inglese per comunicare.

A metà febbraio il lenzuolo completamente dipinto sarà rispedito in Giappone per essere poi esposto nelle scuole e negli stadi durante le olimpiadi. Obiettivo del progetto è stimolare una collaborazione tra cittadini di paesi e culture diverse attraverso la realizzazione di un lenzuolo, dipingendo insieme, condividendo il messaggio di pace e sviluppo sostenibile Artmile internazionale Collaborative Learning 2020 che vuole creare un contatto tra i ragazzi dei paesi che partecipano ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

Ultimo aggiornamento: 23:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani