Narni, sparano ad un barbagianni. Elisabetta lo trova, lo cura e lo consegna ai carabinieri forestali.

Sabato 24 Ottobre 2020
Il barbagianni ferito nella mani di Elisabetta

L’hanno ferito con un pallino in un’ala. Il barbagianni però è riuscito ad allontanarsi dal cacciatore ed arrivare sino a Guadamello di Narni, in un territorio sulle sponde del Tevere, ai confini con Orte. La sua fortuna è stata l’aver incontrato Elisabetta, una dolce ragazza, studentessa, che si è preso cura di lui: prima l’ha trovato in un cespuglio, l’ha portato a casa, ha disinfettato l’ala ferita e gli ha dato da mangiare qualche pezzetto di carne. Poi ha avvertito i Carabinieri Forestali che sono andata nella sua casa a prenderlo per portalo in un centro specializzato dove qualcuno con competenze maggiori lo curerà per rimetterlo nella sua natura. Non va nemmeno dimenticato che non era possibile sparare ad un barbagianni, essendo una specie protetta. Peraltro non è certo un volatile commestibile. Il colpo di fucile, quindi, solo per violenza, solo perchè in quel momento stava volando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA